Vittorino Ferla
La Luna storta
23 Gennaio Gen 2014 1037 23 gennaio 2014

Renzi e gli '88 folli' della palude proporzionale


Uma Thurman e gli 88 folli nel film di Tarantino "Kill Bill"

Mancano ormai pochi mesi al duello finale tra Renzi e Berlusconi. E come in ogni film western (o marziale, fate voi) che si rispetti, i due contendenti si punzecchiano, si incrociano, si incontrano, si parlano, si provocano, si sfidano. E, soprattutto, scelgono insieme le armi per affrontare l’ultima scena mortale. Ciascuno di noi ha in mente un film del genere. Con scena finale d’ordinanza. Come, per esempio, quella del celeberrimo Kill Bill di Tarantino. Lì, i due sfidanti - Beatrix Kiddo, la ‘Sposa’, interpretata da Uma Thurman, e, appunto, Bill, interpretato da David Carradine – si cercano per tutta la durata del film e, alla fine, conversano a lungo prima di affrontarsi nell’improvviso e fulmineo duello finale.

La politica italiana, impostata su partiti burocratici e oligarchici, rifiuta da sempre questo schema binario costruito intorno ai leader. Uno schema che è, viceversa, il più diffuso nelle democrazie occidentali, pur con varie gradazioni. Il Porcellum è servito anche a questo: mettere fine al tentativo bipolare di una democrazia matura. Non ha impedito ai cittadini soltanto la scelta del singolo candidato. Ha fatto peggio: ha impedito loro la possibilità di scegliere un governo efficace e responsabile, ha reso il sistema politico-istituzionale incapace di decidere, annegando il paese nella palude delle larghe intese.

Non sappiamo ancora se assisteremo davvero all’ultimo duello, così come concepito dall’Italicum. Soprattutto perché, come in ogni di film di genere che si rispetti, il cammino verso la battaglia finale è lungo, lento, irto di ostacoli e pericoli mortali. In ogni film che si rispetti, il cammino del protagonista è costellato di risse, tradimenti, agguati, duelli intermedi con personaggi minori.

Nel film di Tarantino, per esempio, c’è la paradigmatica scena degli “88 folli”, la squadra di pretoriani di O-Ren Ishii, una donna spietata a capo della Yakuza. La protagonista Beatrix Kiddo li elimina uno per volta. Chi sono, nella politica italian, gli ‘88 folli’, quelli che la ‘Sposa’-Renzi dovrà incrociare sul suo cammino prima di affrontare l’ultimo duello?

Sono quelli che sperano ancora di votare con la legge uscita dalla sentenza della Corte. Una legge proporzionale pura che, in questa fase storica, obbligherebbe di nuovo a larghe intese nella prossima legislatura, uno scenario catastrofico perché costringerebbe l’Italia a galleggiare e rinunciare ad assumere quelle decisioni essenziali per rialzarsi.

Gli ‘88 folli’ vorrebbero ripristinare quelle stesse preferenze che i cittadini hanno abolito con i referendum elettorali dei primi anni ’90. Quelle preferenze che hanno favorito il voto di scambio, il correntismo più spregiudicato, il navigare a vista, la dissipazione di risorse pubbliche per accontentare i portatori d’acqua, un sistema clientelare e corrotto diffuso in tutto il paese, la voracità e l’irresponsabilità di una partitocrazia che ancora oggi pesa come piombo sul nostro sviluppo civile. Insomma, tutti quei fenomeni sui quali è rovinata la Prima Repubblica.

Gli ‘88 folli’ puntano oggi a contestare anche le liste bloccate corte, manipolando a proprio vantaggio la giusta opposizione dei cittadini al Porcellum. In realtà, le liste corte funzionano bene, per esempio in Germania e in Spagna, e limitano l’esplosione dei costi delle campagne elettorali che avvrebbe con il ripristino delle preferenze. I nomi elencati in queste liste sono pochi e visibili e le circoscrizioni sono molto più piccole di quelle del Porcellum: gli elettori sarebbero così in grado di scegliere tra partiti anche sulla scorta delle proprie preferenze sulle persone. Questi elementi sottraggono il cd. Italicum al rischio di incostituzionalità: è bene ricordarlo.

E tra gli ‘88 folli’ ci sono anche quelli che oggi criticano le soglie. Quelle fissate per entrare in Parlamento e limitare così la proliferazione dei partitini che vivono di piccole rendite. Quelle che servono per ottenere il giusto premio che garantisca la formazione di un governo. In realtà, dietro queste posizioni si giocano altre partite. Sono lotte per la sopravvivenza di forze che spesso hanno scarsa rilevanza e pochissimi voti, ma li usano in modo spregiudicato per ricattare i governi in carica.

Gli ‘88 folli’ sono i depositari di una politica fatta di oligarchie e di burocrati, interdetta da logiche assembleari. Quelli che al sistema elettorale chiedono solo di censire e fotografare i voti espressi perché solo così potranno garantire la sopravvivenza della propria corrente, del proprio partito personale o del proprio clan.

Gli ‘88 folli’ sono ancora numerosi nel Partito democratico. Si trovano nelle forze centriste tradizionalmente votate a boicottare la formazione di governi responsabili, costruiti su una linea programmatica chiara. Si trovano tra i 5 Stelle che, rinunciando alle riforme, alimentano l’immobilismo della politica e la frustrazione dei cittadini. Gli ’88 folli’ si dimetteranno ancora, se potranno, o urleranno in aula, o la abbandoneranno, o agiteranno i cappi per fare le vittime della democrazia. Saranno tutte finzioni per salvare le loro rendite immobili.

L’Italicum cerca un punto possibile di equilibrio tra capacità di governo e di rappresentanza. A questo fine, incentiva le aggregazioni e comprime il ruolo dei veto player. Può diventare l’arma giusta per chi affronterà il duello finale per il governo del paese. Ma per arrivare alla scena finale bisognerà prima difendersi in Parlamento dall’assedio degli 88 folli della palude proporzionale. Chissà: anche in questo caso potrebbe essere fondata la battuta di Bill: “Gli 88 folli non erano veramente 88. Si chiamavano così perché era fico”.

(Questo articolo è tratto da Qdrmagazine)

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook