Daniele Buzzurro
Mad Web
24 Gennaio Gen 2014 1142 24 gennaio 2014

Qualcosa si muove nel digitale

E' un processo lento, ancora troppo, troppo lento quello che sta muovendosi in Italia nel digitale. Nel paese della fuffa anche il nostro settore non fa eccezione, pieno com'è di finti eroi pronti a mettere sul piatto della bilancia un sorriso in cambio della spesa giusta a casa loro o dei loro amici.

Per fortuna a questo esiste un numero di eccezioni sempre più alto, e oggi ve ne porto 1 di valore:

- Stamplay: italianissima e rappresentata dal giovane Giuliano Iacobelli e dall'esperto Nicola Mattina, entrambi nomi noti nel settore per la loro competenza e serietà, è stata invitata a partecipare al programma di accelerazione chiamato Hy! Berlin e ... indovinate un po? Si è aggiudicata il primo premio grazie ad un sistema di componenti intelligenti che permette di creare applicazioni semplicemente connettendo servizi online e social network senza alcuna necessità di dover conoscere un qualsiasi linguaggio di programmazione.

Come questo caso - fortunato certo - ce ne sono tanti, tanti altri e sono sempre di più.

Perchè qualcosa si muove davvero in questo paese nel digitale, e non sono i parolai, sono quelli che fanno fatti. 

Bentornati nell'Italia digitale.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook