Alessandro Sannini
La nota
30 Gennaio Gen 2014 0051 29 gennaio 2014

MINIBOND :Lo zen e l'arte della manutenzione dell'azienda....

NEGLI ULTIMI DUE GIORNI HO PARTECIPATO A DUE INTERVISTE UNA SUL CANALE NAZIONALE CLASS NBC E L'ALTRA SULLA WEB TELEVISION BOLOGNESE QUI TV : PRETESTO PER ALCUNE RIFLESSIONI TRA BIELLE , PISTONI E VELOCITA' FUTURISTICA DELLE MOTO E DELLE AUTO DA CORSA.

In due giorni ho rilasciato ben due interviste una per Class Nbc e l'altra per QUI Bologna TV, non avevo il cerone , ma sapendo che siamo tutti personaggi in cerca d'autore e sul palcoscenico ho crecato di pensare che il magico del momento della convegnistica sia finito.  Dove tutti sproloquiano e non pensano a schemi propositivi di strategia ed azione viaggiando in un mare magnum d'ignoranza e di vacuità. Ora forse bisogna fare delle cose. Avete mai letto Robert M. Pirsig e l'arte della manutenzione della Motocicletta? Guardando le ultime esperienze mi è venuto in mente che , a parte l'ebook che ho nel cassetto che potrebbe essere pubblicato domani, il vero libro che vorrei scrivere è lo Zen e l'Arte della Manutenzione dell'Azienda.Benché guidare una holding, una società quotata in borsa od un emittente di corporate bond sia tremendamente romantico farne la sua comunicazione ed essere il suo spokesman. Amministratore delegato, Presidente o padre padrone con grande visibilità sociale , occuparsi della sua manutenzione è decisamente classico. I numeri ,il business plan , la governance , le strategie finanziarie questo è decisamente classico. C’è un momento che queste due cose necessariamente devono aiutarsi a vicenda, questi due spiriti in una ricerca sostanziale di Qualità. Se pensi che tutto il passato e tutto il futuro siano contenuti nel presente, allora — fantastico! — vuoi dire che si vive solo per il presente. E se l’azienda funziona produce utili ed è praticamente una cash cow, perché preoccuparsi? Se però ritieni il presente un semplice stacco tra passato e futuro, solo un momento transitorio, allora trascurare passato e futuro a favore del presente è davvero cattiva Qualità. Magari adesso l’azienda funziona, ma quand'è  che si è pensato di controllarla a tutto tondo a livello meccanico come a livello estetico? Controllarla a tutto tondo, con i meccanici giusti ti permettono di scendere in pista e correre in questo caso sui mercati del mondo. Il posto per migliorare il mondo è innanzitutto nella propria testa e nelle proprie mani e nella propria azienda; è da qui che si può partire verso l'esterno nel segno di una crescita interna ed esterna. Tutto questo per analizzare e per spiegare che le aziende ed i mercati funzionano esattamente come una moto da corsa. Metterla a punto per saperla guidare. L’ultima esperienza che ho fatto, è quella , di chi si trova un budget potenziale (parlo di azienda) pari a quello della Red Bull in Formula 1 , con un padrone vuoto e senza sogni e descrivibile nel contadino Mazzarò di Giovanni Verga dedito accumulazione di "roba" tramite l’onorevole attività del lavoro e sopratutto due meccanici a cui non darei neanche la manutenzione del mio Ciao. Tutto questo giro di parole, tra pistoni , bielle, due e quattro ruote con suoni che vanno da quello dell’Harley Davidson ad una vecchia Porsche per concludere che il miglior advisor che potete trovare non è quello che potete usare come il vostro zerbino dandogli la paghetta, è quello che in un clima di libertà intellettuale, vi manda elegantemente affanculo che smonta fisime , convinzioni e puttanate che molto spesso sono slegate dagli usi e le consuetudini internazionali, che vi spiega che se decidete ad esempio di andare sui mercati non siete più dentro casa vostra e dovete necessariamente mettervi la giacca e la cravatta ed i vostri atteggiamenti un pò naïf non sono tollerati ed in giro per il mondo c’è qualcuno un pò più ricco di voi. 

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook