Sic et simpliciter
22 Febbraio Feb 2014 1006 22 febbraio 2014

Dal Palazzo: il meglio del peggio della settimana del #governoRenzi

di @fra_siciliano

MUTATIS MUTANDIS. Lo dice Antonio Di Pietro in merito alla staffetta: «Hanno cambiato la briscola a coppe con la briscola di bastoni, ma il mazzo è sempre lo stesso». 

IPSE DIXIT. «Essere gay non è una malattia, ma si può guarire, come gli erotomani e altre categorie» sentenzia lo psicologo – sic! - Meluzzi. 

ZIO GUIDO FESTER. Il gigante Crosetto è furibondo: «Vado a prendere sotto casa di chi dice che io, La Russa e Meloni siamo la Famiglia Addams». 

PERDIAMOCI DI VISTA. Botta e risposta a suon di cinguettii: «Se Alfano si sfila dal governo, io mi faccio suora» twitta la Santanché. Secca la risposta del diretto interessato: «Puoi fare due grandi cose per l'umanità in un colpo solo».

ALIEN. Tensione nel corso della diretta streaming Renzi-Grillo:  «Beppe - sfotte Renzi - sei un incrocio tra Gasparri e la Biancofiore».

STELLE SCADENTI. Mentre Grillo lo dice fuori dai denti: «Voglio una dittatura... sobria!».

OMNIA MUNTATUR. Berlusconi  ricorda i vecchi tempi: «Alfano era il più fidato, ogni volta che entravo nella stanza lui si alzava in piedi come il primo giorno».

ANGELINO ALANO. Anche Simone Furlan, leader del'Esercito di Silvio, spende qualche parola per il suo ex collega di partito Alfano: «Certo che la politica corre proprio veloce. Ricordo un pranzo ad Arcore, 4 mesi fa, quando non era chiaro se scodinzolasse più Angelino o Dudù. Spero l'amico Dudù mi perdoni l'accostamento, a lui riconosco la fedeltà e un sentimento vero. Provo orrore per GiudAlfano». 

MRS. DOUBTFIRE. «Casaleggio è uguale a Vittorio Feltri con la parrucca» dice la pasionaria forzista Alessandra Mussolini.

SILVIO THE BEST. Ci scherza su Matteo Renzi: «Silvio resta il numero uno, è in forma strepitosa, un cazzaro insuperabile!».  

PAURA DI PARLARE. Vendola è abbacchiato: «Dopo lo scherzo de La Zanzara ho difficoltà ad avere relazioni telefoniche. Quando chiamo mi dicono “attacca, ti richiamo io”».

UBI MAIOR... «Alfano vuole un vertice di maggioranza – dichiara Renzi – ma io ho altro da fare».

PERCHE' SANREMO E' SANREMO. Al termine della lettura dei nomi del nuova squadra di governo, il neopremier taglia corto:«Se ci sono domande risponderò rapidamente, non vorrei farvi perdere Sanremo».

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook