Sergio Ragone
Pop corn
3 Marzo Mar 2014 1046 03 marzo 2014

Le 20 cose che ho capito de La Grande Bellezza e della notte degli Oscar

Della notte che ha consacrato Paolo Sorrentino e Toni Servillo ho capito alcune cose.
Così come, riflettendoci in questi mesi, ho capito anche altre cose sul film italiano che ha vinto l'Oscar.
Per brevità le ho riassunte in questi 20 punti.

1) La Grande Bellezza non é ovunque, guardatevi intorno e lo scoprirete

2) La grande bellezza, in verità, è il racconto più intimo che c'è in noi.

3) Vince chi ci crede, ma solo se lavora molto e bene.

4) Paolo Sorrentino aggiunge al suo CV un grande successo, ma secondo me il cameo in Boris era già il top

5) Voler essere uno dei due Servillo. A scelta, o a caso, andrebbe comunque bene.

6) L'Italia si conferma il Paese delle idee, solo che a vincere sono quelle buone.

7) La grande bellezza non è un film sul turismo. Fermatevi subito, per favore.

8) Jep Gambardella è un giornalista. Non rappresenta la decadenza della professione, ma è solo un caso che, ricercando la bellezza, si lasci sfuggire la più importante notizia che abbia mai trovato a due passi dalla sua amaca?

9) Mi si nota di più se continuo a parlarne male o se non lo vedo proprio?

10) Quel "vaffa" di Servillo è stato un po' eccessivo, bastava attendere un po' e con lo stesso sorriso di questa notte avrebbe risposto con più eleganza. A la Jep.

11) C'è più Roma in questo film o c'è molta Napoli e molto Sud? Per me la seconda, con le sue radici, la sua forza, il suo profondo radicamento nell'anima e nei sentimenti, la vera bellezza, che Sorrentino ricerca fino alla fine del film.

12) Il Cinema italiano va da Zalone a Sorrentino. Non è vero, ma se lo fosse non sarebbe un male, anzi.

13) Non è un bene per il Cinema mandare in Tv "La Grande Bellezza". Riportarlo nelle sale sarebbe stato più giusto e più utile a tutti.  

14) Complimenti ai privati che hanno scommesso su questa pellicola, in Italia è ancora così difficile convincerli.

15) A quelli che "Si, ma è come "La dolce vita", va il mio più grande abbraccio

16) A quelli che "Se Sorrentino ha vinto l'Oscar, allora Virzì?" un sorriso benaltrista.

17) A quelli che "Ve la meritate La Grande Bellezza", un grazie profondo e sincero.

18) A quelli che "Si, ma era tutto già deciso", un grande ciao.

19) Essere Leonardo Di Caprio non sempre aiuta.

20) Non tutti i selfie escono con il buco, e nemmeno con i retweet.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook