Cristina Coglitore
La creatività in carcere
7 Marzo Mar 2014 0919 07 marzo 2014

La Sicilia sprigiona sapori

La cooperativa siciliana nasce a settembre 2013 come logica conseguenza del progetto di reinserimento sociale “Rompete le righe”, finanziato dal Fse al Consorzio La città solidale di Ragusa: attraverso azioni di formazione e work experience di cucina e pasticceria regionale che hanno coinvolto decine di detenuti si è sviluppato nelle carceri di Ragusa,  Modica e  Catania, presso la casa circondariale di Piazza Lanza.

Sprigioniamo Sapori opera oggi a Ragusa e Catania con due laboratori di produzione di torroni e altri prodotti dolciari tipici a base di mandorla (torrone, cobaita, croccante). Nel primo opera una pasticciera civile e due detenuti; nel secondo nella sezione femminile in apertura a fine mese, due civili (pasticciere e responsabile della logistica) e due detenute.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook