MY PR
Behind reputation
17 Marzo Mar 2014 0932 17 marzo 2014

David Meets Barack

Caro Matteo Renzi, perché non invita il Presidente degli Stati Uniti a Firenze, a parlare di armi da fuoco davanti al David di Michelangelo?

Un modesta proposta.

Nei giorni scorsi una campagna pubblicitaria di ArmaLite, azienda di armi da fuoco “proudly made in the USA”, ha attirato l’attenzione dei media italiani. Per pubblicizzare il suo modello di punta, il fucile di precisione AR-50A1, un 50 mm ideale per i cecchini di tutto il mondo, ArmaLite ha utilizzato il David di Michelangelo, mettendogli la sua preziosa arma a tracolla.

Prima di entrare nel vivo delle polemiche che si sono scatenate successivamente e da cui possiamo ricavare – credo - qualcosa di interessante, mi permetto di fare una modesta proposta direttamente al Presidente degli Stati Uniti (e al nostro nuovo Presidente del Consiglio).

Caro Mr. Obama, visto che lei ha una sensibilità particolare per il tema della vendita delle armi da fuoco, visto che nel suo Paese ogni anno le armi uccidono più di 30.000 persone, la metà degli Americani morti in tutta la guerra del Vietnam, visto che ogni giorno lei deve combattere contro la potentissima lobby della National Rifle Association e, last bust not least, visto che ArmaLite ha utilizzato illegalmente l’immagine del David, perché non pronuncia un discorso contro le armi da fuoco proprio a Firenze e proprio sotto il capolavoro di Michelangelo? E perché Matteo Renzi, ex-sindaco di Firenze, non promuove questo incontro tra David e lei, Mr. Obama, quando verrà a trovarci in Italia il prossimo 27 marzo? Sarebbe un bel gesto riparatore, quasi il pagamento di un’indennità di guerra.

E ora, dibattito.

Siamo Italiani. Ci piace parlare, discutere e, a volte, alzare la voce. Risultato frequente: vince il “discorso più forte”; non quello che convince di più, secondo l’antica dialettica dei Greci, ma quello che più emerge dal frastuono. E proprio le polemiche nate intorno alla campagna ArmaLite (dove ci sono i detrattori, ma c’è anche un forte partito di sostenitori) sono l’ennesima dimostrazione della nostra cronica incapacità di distinguere i diversi piani in cui può articolarsi un discorso. Proviamo ad analizzarli.

Il piano legale... CONTINUA A LEGGERE SU BEHIN DREPUTATION

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook