Sogni di merito
17 Marzo Mar 2014 1103 17 marzo 2014

Un esempio della scarsa libertà di stampa italiana? Il referendum sul Veneto

Al netto di qualsiasi posizione abbiate nel merito, ecco un esempio del perché la libertà di stampa italiana è - un pochino! - indietro nelle classifiche internazionali:
[SPOILER: non perché studio aperto mostra le tette e nemmeno perché Emilio Fido Fede ha condotto il tg4 per un po' di anni].
Comunque, come ho scritto ieri, si è aperto il referendum consultivo per l'indipendenza del Veneto, che probabilmente non porterà a nulla, ma nonostante ciò non ci sono stati media italiani di massa che ne abbiano parlato (ciao RAI !!). Solo ieri hanno votato 490mila persone (su un totale di circa 4 milioni di aventi diritto) e visto che dura per una settimana e la cosa non è stata pubblicizzata per nulla - se non ai limiti della censura - direi che, se io fossi un direttore di giornale e mi fossi fatto scappare una notizia del genere, o sarei un disastro di giornalista, cieco ed incapace, o sarei fazioso (o, ancor peggio, comandato).
Cioè, tra un gattino salvato e l'altro, non c'è tempo di scriver quattro righe su una cosa così forte? Are you serious??
Intanto, andando oltremanica, la BBC, portata come ariete del servizio pubblico che funziona da parte dei difensori del servizio pubblico Rai (gli stessi probabilmente che ignorano il referendum) ne parla qui,
qui ne parla l'Indipendent,
qui ne parla l'Express,
qui dalla Nuova Zelanda il New Zealand Herald,
qui, sempre dagli UK, il Telegraph,
qui dalla Germania l'Heise,
qui dalla Russia il Russia Today (che ieri ha fatto diretta televisiva..).
E probabilmente ce ne sono moltissime altre che non ho avuto tempo di guardare. In Italia c'è solo una lettera al Corriere liquidata da Severgnini in due righe, un blog su Il Giornale del grande Carlo Lottieri http://blog.ilgiornale.it/lottieri/2014/03/16/un-referendum-in-crimea-e-..., ma solo perché ne ha sposato la causa e un articolo su Libero. 
Oltre ovviamente al mio post di ieri qui su Linkiesta
Anche chi è completamente contrario all'iniziativa, non si sente un poco preso per il... naso?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook