I gessetti di Sylos
19 Marzo Mar 2014 1654 19 marzo 2014

Anche per Renzi e Cottarelli la corruzione è tabù

Il precedente governo aveva strombazzato la nomina di Cottarelli come una sorta di soluzione finale per sradicare gli sprechi e le inefficienze dalla pubblica amministrazione italiana. Essa faceva seguito ad altrettante "soluzioni finali" costituite dalle nomine di Giarda e di Bondi. Di nuovo ci è toccato sentire le solite giaculatorie delle siringhe che in un’Asl costano tot e in un’altra tot moltiplicato 4, 5, 6, senza peraltro fare mai niente. Chi scrive, in diverse occasioni, ha molto modestamente fatto notare che oltre alle siringhe ci sono i cosiddetti “grandi lavori” che in Italia costano un multiplo di quello che costano all’estero, e in questo ci si faceva forti anche dei rilievi fatti da organismi internazionali, ultima la Commissione Ue. Pensavamo, ma come al solito eravamo ingenui, che Cottarelli da lì avrebbe cominciato, anche perché in un colpo solo si ottenevano due risultati, dei quali forse il secondo era anche più importante del primo: si potevano recuperare bei soldini e si poteva finalmente cominciare a rendere più concorrenziali le forniture alla P.A. e gli appalti per i grandi lavori, che oggi invece sono in mano per lo più ai “furbetti del tangentino”. E invece ora viene fuori che tutto il lavoro del predetto Cottarelli ha prodotto come risultato principale il taglio delle pensioni, il taglio del welfare e il taglio del personale pubblico. Ci voleva un commissario straordinario per pervenire a questi risultati? Queste conclusioni dimostrano due cose. La prima è che, al di là del merito delle proposte, più che dubbio, emerge che Renzi e il suo governo, al netto delle guasconate mediatiche, hanno paura di proporre misure dolorose e quindi le vestono da “misure tecniche” proposte da un “tecnico”. La seconda è che Renzi e Cottarelli sono subito entrati nella logica della partitocrazia e delle loro camarille, e quindi hanno capito che “chi tocca la corruzione muore”, chi mette gli occhi sulla “mangiatoia”, immediatamente viene invitato a guardare da un’altra parte, e loro, evidentemente, hanno obbedito.

Finché il nostro paese non combatterà con convinzione ed energia la corruzione, gli organismi internazionali ci considereranno sempre come dei malati gravi, se non addirittura terminali. Ce lo stanno dicendo in tutte le maniere ma, come ho detto in un precedente “gessetto”, i nostri governanti e la nostra cosiddetta “classe dirigente”, fanno finta di non sentire, volgono la testa dall’altra parte. La corruzione diffusa è il principale fattore distorsivo della concorrenza e rende il paese che ne è infetto inefficiente, oltre che ingiusto, e seleziona una classe dirigente (politica e non) scadente, molto scadente, come è avvenuto e avviene ancora in Italia. In un paese simile qualsiasi provvedimento preso per la crescita rischia di diventare elemento distorsivo più che propulsivo. Quando i nostri governanti si piegano a voler trattare l’argomento “corruzione” tendono a dare l’impressione che il problema stia tutto in qualche funzionario disonesto. E invece la questione principale sta innanzi tutto a livello politico. “Il pesce puzza dalla testa” è il proverbio corrente in tutta Italia, ed esso è particolarmente vero nel nostro paese per la corruzione. Ma poi, questa classe politica non colpirebbe mai seriamente neanche i funzionari corrotti, perché costoro rivelerebbero immediatamente quello che hanno "visto" ai piani più alti. Di fatto c’è un tacito accordo di proteggersi l’un l’altro.

Tornando alle misure proposte dal Cottarelli, va anche detto che esse sterilizzerebbero l’effetto macroeconomico, sulla domanda aggregata, dello sconto fiscale ai redditi bassi in quanto con una mano si darebbe al sistema e con l’altra si toglierebbe, con il risultato di avere una somma algebrica nulla. La riduzione fiscale avrebbe un effetto significativo se venisse coperta con una aumento della progressività delle imposte, in modo da togliere reddito agli scaglioni più alti. Nelle slides distribuite alla stampa ve n'è una che ha del patetico, considerato il messaggio che vuol trasmettere. Essa mostra che la propensione al risparmio delle famiglie con capo famiglia pensionato è maggiore di quelle della altre. A parte che si tratta di una scoperta dell'acqua calda, ma si dimentica di dire una verità lampante dell'Italia contemporanea e cioè che quei "risparmi" non vanno a creare patrimoni da lasciare a figli e nipoti, come si vuol far intendere e come qualcuno ha scritto, ma a "mantenere" figli e nipoti adulti, i quali o sono disoccupati o guadagnano stipendi e salari al di sotto del minimo di sussistenza. Da anni si ripete che nel nostro paese l'ammortizzatore sociale più importante è la famiglia. Solo Cottarelli non l'ha mai sentito dire?
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook