I gessetti di Sylos
23 Marzo Mar 2014 1802 23 marzo 2014

Expo 2015: messa a punto del "modello Italia"

Nel luglio 2013 su tutti i giornali nazionali e locali veniva strombazzato il raggiunto accordo sindacale per le figure professionali che lavoreranno nell’Expo 2015. L’aggettivo “storico”, ovviamente, si sprecò nelle dichiarazioni pubbliche, a partire da quelle dei rappresentanti del governo: Letta e Giovannini in testa. Addirittura questi ultimi dissero che quell’accordo doveva costituire da modello per le relazioni sindacali nell’intero paese anche per il futuro. Pensate che quell’accordo prevede che i più sfortunati, cioè quelli che non potranno disporre di una raccomandazione di livello, verranno classificati come “stagisti” e guadagneranno 516 euro al mese (diconsi cinquecentosedici euro al mese) più un buono pasto di 5 euro (sì e no un panino e una minerale). Per gli altri sono state previste altre deroghe alla normativa nazionale, il tutto per garantire la buona riuscita dell’evento e la diffusione del Made in Italy. Chi scrive, il quale, come avrete ormai capito, è fissato per certe cose, all’epoca scrisse un “gessetto” nel quale si augurava almeno che la corruzione mostrasse nella circostanza la stessa morigeratezza dei lavoratori, sarebbe comunque stata una consolazione. E invece …

E invece, le cronache giudiziarie di questi giorni ci fanno purtroppo capire che il sistema corruttivo è pienamente all’opera con tutta la virulenza di cui è capace in Italia. Quindi il modello è ora chiaro: bisognava risparmiare il più possibile sul costo del lavoro per dilatare il più possibile la corruzione, perché ogni euro sottratto al lavoro avrebbe incrementato il “bottino” destinato alla corruzione e all’arricchimento di politicanti e faccendieri. E diventano chiare anche le dichiarazioni dei nostri governanti dell’epoca che “il modello contrattuale Expo 2015 deve essere esteso all’intero paese”: cioè in tutta Italia i salari devono essere ridotti per lasciare più risorse alla corruzione, perché effettivamente gli imprenditori cominciano a non farcela più a reggere questo sistema corrotto e allora bisogna dare loro una mano. Ma diventa poi particolarmente evidente, lampante, la verità contenuta nel motto “l’Expo 2015 servirà a promuovere il Made in Italy nel mondo”. Effettivamente quello che in questo periodo riesce meglio al nostro paese, e che riscuote ampi "riconoscimenti" all’estero, è proprio la corruzione. E’ diventata il vero Made in Italy. Abbiamo quote di mercato ragguardevoli, in Europa addirittura giungiamo al 50% secondo i dati della Commissione Ue. E Milano, che è stata la protagonista del “miracolo italiano” degli anni cinquanta e sessanta, si sta qualificando sempre di più come la protagonista di quest’altro particolarissimo “miracolo italiano”, e sta proseguendo la tradizione inaugurata dalla "Milano da bere" del craxismo, proseguita dall'arricchimento spregiudicato e dal lusso trimalcionesco del berluconismo, e consolidatasi con l'affarismo sanfedista di Comunione e Liberazione e l'arraffamento plebeo della Lega.

A volte discutendo tra amici spunta la domanda “ma questi corrotti si rendono conto che stanno mandando il paese alla rovina?”. Cari amici, a questi signori non gliene importa un fico secco dell’Italia, per il semplice motivo che i soldi intascati, il giorno dopo sono già diventati dollari, sterline e yen. Quindi della rovina del nostro paese se ne fanno un baffo, anzi ci potrebbero pure guadagnare con il futuro cambio se l'Italia dovesse collassare.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook