Revolart
28 Marzo Mar 2014 0917 28 marzo 2014

Revolart incontra MIKA - In onore di una prostituta di Miami: la vera storia della sua vita

Testo e estratto dalle parole di MIKA a cura di – Federica Dogliani, Giuditta Armiraglio e Marta Gorletta


foto di – Vukobratovic Natasa

Oggi è accaduto qualcosa di buono, una di quelle cose che rimarranno lì, da qualche parte tra la mente e il cuore, per sempre. Davvero.

“Gli ultimi due anni hanno cambiato la mia vita, sono diventato vittima delle persone che fanno il vostro lavoro, o almeno quello che sperate di fare da grandi. Queste persone hanno quasi rovinato tutto ciò che ero”.

Il racconto di una storia genuina e stimolante, il mondo di un artista. Ciò che più mi colpisce è  guardare indietro verso quelle sfide, quelle battaglie all’inizio di una carriera, e poi pensare al presente , con tutti i traguardi e i successi negli occhi pieni di gioia dell’artista.

Mika sottolinea quanto sia importante, a volte, prendere delle decisioni in cui la nostra mente vorrebbe dire no e il nostro subconscio dice egoisticamente Sì. La pessima coordinazione tra la mente  e le parole è ciò che lo ha salvato negli ultimi anni.

Il testo che segue è un estratto dalle parole che Mika ci ha regalato una sera di dicembre, in Aula Gobbi, Università Bocconi. Purtroppo è difficile contenere solo nelle parole tutte le emozioni che si sono alternate costantemente durante il discorso, e l’abilità di Mika di catturarci, fino alla fine, ponendosi allo stesso livello della platea, ciondolando le gambe seduto al limite del palco.

Qualcuno mi conosce come cantante, qualcun altro mi conosce perché faccio parte di un talent show italiano, e qualcuno di voi non mi conosce proprio. Io sono Mika, anche se questo non è il mio vero nome: mi chiamo Michael Holbrook Penniman Junior, e questo nome è molto sexy. A Gennaio sarò a Los Angeles per iniziare il mio quarto album  che è tutto quello che ho, la cosa più importante della mia vita. Ma ora sono giudice di X Factor Italia, sono coach a The Voice in Francia, e gestisco un’azienda che ho creato otto anni fa con mia sorella: sono molte cose, a stranamente non sono mai stato più eccitato all’idea di andare in uno studio e iniziare a registrare.

CONTINUA A LEGGERE LE PAROLE DI MIKA QUI : http://revolart.it/in-onore-di-una-prostituta-di-miami-mika-racconta-la-vera-storia-della-sua-vita/

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook