Francesco Roberto
“Ladri di biciclette”. L’Italia di ieri e di oggi
27 Aprile Apr 2014 2217 27 aprile 2014

Una settimana di fuoco. Sei cretino o mangi sassi?

Rassegna stampa della settimana (eccetto punto 4). Ho voluto farmi del male....

In Italia accade che....

1. Che il 25 aprile la banda del paese, dopo aver suonato "Bella ciao" in piazza si infili assieme ai propri cittadini in chiesa per la messa celebrativa (Peppone & don Camillo insegnano)

2. Che un pregiudicato possa candidarsi alle europee e guidare il proprio partito.

3. Che un comico possa fare politica e un politico possa fare il comico.

4. Che il presidente del consiglio possa essere cambiato durante il mandato, con un componente dello stesso partito e nella sede a porte chiuse di quest'ultimo.

5. Che persone mai interessate alla politica (o ad una delle sue mille sfumature) si candidino nelle liste comunali solo perché trovano divertente l'idea di avere un hobby alternativo.

6. Che un plurindagato (in data odierna e negli anni) per corruzione, falsa testimonianza, abuso di minori, appropriazione indebita, traffico di droga, finanziamento illecito ai partiti, concussione e prostituzione minorile, tangenti, falso in bilancio, corruzione giudiziaria, evasione e frode fiscale si permetta di accusare la Germania, uno dei pochi paesi che nella Storia ha saputo riconoscere i propri errori, di negazionismo.

7. Che una croce di legno dedicata a Papa Giovanni Paolo II alta una quindicina di metri cada su di un ragazzo disabile, residente in via Papa Giovanni XVIII. 
Per incuria e non per miracolo.

8. Che l'italiano furbo corrisponda a quello che non paga le tasse, il canone Rai, costruisce carri armati, non conosce la propria lingua, che di tanto in tanto se ne salta fuori con affermazioni del tipo "porco mondo siamo proprio una nazione di merda, Prandelli non porta Toni ai mondiali" e che alla domanda "sei cretino o mangi sassi?" risponde "ohu mica son cretino io, mangio un sasso piuttosto!"

Nonostante tutto questo continuo ad amare il mio Paese...

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook