Cristina Coglitore
La creatività in carcere
28 Aprile Apr 2014 0902 28 aprile 2014

L'ARTE DI REINVENTARSI SI IMPARA IN CARCERE

Si è appena concluso il primo ciclo di FumneIndependent, il nuovo progetto de Lacasadipinocchio dedicato alle donne detenute della Casa Circondariale Lorusso e Cutugno di Torino realizzato grazie al sostegno della Compagnia di San Paolo.  Dopo anni di lavoro a contatto con la detenzione, le operatrici della Lacasadipinocchio hanno constatato che una delle difficoltà più grandi per le detenute è affrontare il momento della scarcerazione e del reinserimento nella società civile e nel mondo del lavoro. Da qui la scelta di incentivare il lavoro autonomo, in particolare i mestieri tradizionali che si vanno perdendo e la richiesta del mercato di figure professionali in linea con l’accresciuta sensibilità commerciale, estetica, culinaria, di servizio e di tempo.     

In questa prima fase sono emerse progetti di una sartoria lowcost che riadatta abiti smessi; consulenza burocratica ai detenuti; parrucchiera presso un campo nomadi; dogsitter e canile famigliare; cucina etnica rom per italiani e stranieri; artigiana orafa rumena; cooperativa di servizi e accompagnamento anziani; produzione di ombrelloni con i déhors dei bar e altri.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook