I gessetti di Sylos
25 Maggio Mag 2014 1155 25 maggio 2014

Una classe dirigente in putrefazione

Dopo gli scandali Expo e Sanità, ecco esplodere l’ennesimo scandalo bancario. Pensavamo che dopo quello del Mps avremmo avuto un po’ di requie in quel settore, non fosse altro che per far dimenticare, ma ci siamo sbagliati, puntuale è arrivato lo scandalo della Cassa di Risparmio di Genova.

Dalla fine del XVIII secolo, da quando la borghesia ha esteso la sua egemonia dal solo campo economico, nel quale la deteneva già da alcuni secoli, a quello politico, questa classe sociale ha sempre preso l’iniziativa e assunto la responsabilità di fare da guida al mondo occidentale. E’ essa che ha indicato di volta in volta la linea da seguire, se mai con il contributo e l’alleanza di altre classi che nel frattempo si sono presentate alla ribalta della Storia. E’ la borghesia che in Occidente prende la situazione in mano in momenti di emergenza e di smarrimento, e questo non perché predestinata da forze extra terrene, ma perché detiene i mezzi economici e può attivare le risorse culturali necessarie allo scopo. Quando è stato necessario ha ingaggiato lotte anche cruente con chi ha ostacolato il progresso per mantenere privilegi medievali e feudali. Questo in Occidente. Ma l’Italia è Occidente? Da noi pare che la cosa che alla borghesia riesca meglio è: arraffare! ARRAFFARE! A R R A F F A R E! L’Expo ha mostrato ancora una volta l’alleanza tra un’imprenditoria raccogliticcia e una classe politica corrotta, gli scandali Carige e Mps hanno mostrato il marciume profondo di una borghesia delle professioni e del management che altre volte avremmo chiamato “società civile”. Gli ultimi scandali mostrano in modo plastico chi porta sulle spalle la responsabilità dell’interminabile crisi dell’Italia, il suo declino. Nel caso dell’Expo abbiamo già detto che era la prova lampante che i sacrifici chiesti ai lavoratori servono a rimpinguare il malloppo destinato alla corruzione. Nel caso di Carige il ladrocinio è avvenuto nel settore delle Assicurazioni Vita della banca, cioè quel settore nel quale confluiscono i risparmi dei cittadini, con i relativi sacrifici, al fine di assicurare un futuro sereno per sé o per gli eredi. Ebbene si rubava lì dentro; questo mostra plasticamente chi letteralmente ruba il futuro agli italiani. Il Berneschi è Vice Presidente dell’Abi, dove era stato Presidente anche Mussari. Pare che gli uffici di presidenza dell’Associazione Bancaria siano l’ “anti … bagno penale”. L’attuale presidente dell’associazione, tale Pattuelli, ha dichiarato che “Berneschi non decade dalla carica perché non c’è alcuna sentenza penale” (sapete in Italia siamo tutti garantisti, ci mancherebbe altro), poi ha aggiunto che tanto “essendo in galera non può partecipare alle riunioni”. Sono dubbioso se in queste dichiarazioni prevalga la malafede o l’idiozia. Lascio valutare il lettore.

Ma l’indecenza riguarda anche la cosiddetta borghesia intellettuale. Il bravo Crozza ci ha mostrato lo spettacolo indecente (considerato i precedenti) del giornalista Rai Bruno Vespa. Costui quando intervistava il suo capo e idolo Berlusconi, tirava fuori solo la lingua, mentre nell’ultima intervista, una volta acquisito il declino di B., ha tirato fuori le unghie. I giornalisti Rai, si sa, sono quelli più sensibili e veloci nel percepire il cambio di vento. A noi da ragazzi ci hanno insegnato che per capire da che parte soffia il vento bisogna bagnare il dito con la lingua e poi vedere da che lato si raffredda. Certe persone invece lo percepiscono ancora prima perché tirano fuori direttamente la lingua. Il “povero” Berlusconi” di fronte a questo Vespa inatteso, aveva l’espressione sbigottita e sgomenta che ha Brunhilde quando constata che Sigfrido, a causa del filtro somministratogli da Hagen, non la riconosce più, non ricorda di averla posseduta e di essere il suo uomo.

Ci troviamo di fronte a una classe dirigente di estrazione borghese in evidente stato di decomposizione, tanto il marciume e la cancrena è avanzata. Se Grillo dovesse vincere queste elezioni, e alcuni segnali non fanno ritenere l’ipotesi del tutto infondata, sapremo di chi è la colpa. Ci risparmi in quel caso il suo predicozzo Scalfari, che dirà, come fece per le vittorie di Berlusconi, che molti italiani credono all’ “asino che vola”. Caro Scalfari finora chi ha creduto all’asino che vola è lei; perché ha pensato che con i D’Alema e i Veltroni la Sinistra potesse vincere, e si è coccolata una classe dirigente inetta e protettrice della corruzione. Una classe dirigente che non è mai stata capace di vincere in proprio una sola elezione che sia una, pur essendo stata favorita da “mani pulite”, e che le uniche volte che ha vinto è stato quando si è nascosta dietro i volti di Prodi e Ciampi, tanto i propri volti erano impresentabili e inconcludenti.

Da tutto questo, cari amici, discende che per il nostro paese l’aggancio all’Europa è vitale. L’Europa ci appare sempre più come la nostra ultima speranza.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook