Massimo Sorci
Attentialcane
26 Maggio Mag 2014 0925 26 maggio 2014

Antibiotico Renzi e sciroppo Tsipras


Renzi e Tsipras
Ieri sera Marcello Sorgi, ospite non ricordo più di chi, commentando i primi dati elettorali diceva di guardare solo i numeri mettendo tra parentesi le sigle. Il 40% preso dal Pd corrisponderebbe alla percentuale della vecchia Democrazia Cristiana, il 20% di Grillo sarebbe la quota del vecchio Pci mentre il 16% di Fi rappresenterebbe i voti socialisti.

Ritengo fosse un'analisi dettata – spero – dalla mera volontà di stupire con la scorciatoia della suggestione fanta-storica. Anche perché l'elettorato ha fatto talmente tante giravolte, nel frattempo, che mi pare quantomeno semplicistico affrontare la faccenda da questo punto di vista.

Certo, una parte di elettorato moderato è trasmigrato da Renzi, è indubbio. Ma dire – come stamattina fanno molti “duri e puri” di sinistra un po' in giro sui social – che a vincere sia stata la vecchia Dc è una balla colossale. Anche perché, se così fosse, come mai lo sciroppetto omeopatico per la tosse Tsipras ha preso solo il 4%?

Ho idea che finalmente la sinistra ha vinto perché si è decisa a prendere l'antibiotico.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook