Alessandro Oliva
Viva la Fifa
27 Maggio Mag 2014 1641 27 maggio 2014

Alluvione a Manaus: lo stadio di Italia-Inghilterra rischia già di chiudere

Il Mondiale non è ancora cominciato, ma uno stadio rischia già di chiudere. Parliamo dell'impianto di Manaus, in piena foresta Amazzonica, dove l'Italia debutterà contro l'Inghilterra il prossimo 14 giugno. Il livello del fiume Rio Negro ha sfiorato i 30 metri, ieri, inondando un'area centrale della capitale amazzonica. Visto il pericolo di alluvione, il sindaco Artur Neto ha decretato lo stato di emergenza. 

In base alle previsioni meteorologiche, il livello del fiume dovrebbe salire di altri 30 centimetri nelle prossime ore, aggravando ulteriormente gli allagamenti. Come riporta l'Ansa, finora i quartieri più colpiti sono stati quelli di Educandos, Sao Raimundo, Bariri, Sao Jorge e Presidente Vargas. L'Ammministrazione locale sta già provvedendo a ritirare le famiglie dalle principali aree di rischio. Dall'inizio dell'anno sono state costruite passarelle metalliche per l'accesso alle aree commerciali del centro di Manaus. Il tutto per impedire che la piena del Rio Negro ''ostacoli lo sviluppo della città'' fino alla Coppa del mondo, come ha spiegato lo stesso sindaco.

La scelta di Manaus come sede dei Mondiali è stata criticata da più parti, soprattutto per via dell'instabilità climatica e del caldo particolarmente umido, che potrebbe pregiudicare il rendimento dei giocatori. Come se non bastasse, l'Ente brasiliano per l'energia elettrica (Aneel) ha rivelato recentemente che L'Arena Amazonia è tra gli impianti a rischio black out per i ''significativi ritardi'' registrati nelle opere per la fornitura di energia elettrica.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook