Sogni di merito
27 Maggio Mag 2014 1040 27 maggio 2014

Perché i liberali italiani non prendono voti. Flop di Fare e Scelta Europea

Motivi che hanno fatto 'floppare' Scelta Europea nel 2014 e solo in parte Fare 2013

-no simbolo famoso
-no leader carismatici e mediatici
-no soldi
-no capillarità ovunque
-voto utile

ovvio poi che prende tutto Renzi (o nel 2013 hanno preso tutto i 'voti utili'). 

Se ai tempi del 2013 in SC c'era Monti premier uscente e in Fare un super Giannino carismaticissimo e mediatico (eccetto gli ultimi 2 giorni...) più l'entourage di super esperti Boldrin Zingales DeNicola e l'avversario al posto di Renzi erano Bersani e Bindi.....

Ma che risultati si credeva potesse fare Scelta Europea, che niente aveva del 2013 e pur là erano andate molto male le cose?

Per ottenere almeno un voto decente a prova di soglie (4-6%) servono tanti soldi, tantissimi militanti, tantissimi leader carismatici e un super leader riconoscibile da tutti. 

Nonché sintesi in pochi slogan chiari dei propri programmi e della propria identità (che non vuol dire affatto populismo, semplicemente ottima comunicazione).

Ed anche un simbolo conosciuto e ripetuto all'inverosimile ovunque. No 'taxi', cose provvisorie nate per le elezioni, no mix di simboletti, ecc.

Riguardo più specificatamente a Fare nel corso della sua vita (ma anche un pochino a Scelta Europea 2014):

MAI litigare in pubblico.

Mi spiego meglio:

MAI MAI MAI MAI bisticciare pubblicamente, sia in conferenze e riunioni 'fisiche' con militanti e attivisti, che su fb, che su twitter, che per mail di gruppo tra membri di direttivi, coordinamenti e fondatori.

Forse non sono stato chiaro, mi sforzo:

non è che si può collaborare per il bene comune del partito-movimento e poi, un giorno sì e uno no, se non addirittura quotidianamente, ci si può offendere e attaccarsi tra fazioni opposte, per causa di mere questioni di "ruoli". 
Questioni assai ridicole, dato che si parla di movimentini da 1% senza soldi e senza potere.

Se pensavate questo, NON INTENDEVO PER NIENTE QUESTO!

Io intendevo proprio che MAI bisogna bisticciare mostrandosi all'esterno ai militanti ed ai possibili elettori come dei litigiosi che hanno tempo da perdere in beghe interni sul nulla, anziché proporre organizzare eventi, stilare e discutere programmi o criticare e trovare falle ESCLUSIVAMENTE degli altri partiti avversari.

Le critiche interne, soprattutto se stupide, inutili o dovute a screzi personali, devono essere fatte ESCLUSIVAMENTE in luoghi dove possano rimanere solo e soltanto al 100000000000% nascoste da militanti e possibili elettori.

MI SPIEGO ANCORA MEGLIO, PER EVITARE PROPRIO AL 100% DI ESSERE FRAINTESO:

non dico che si debbano evitare litigi in commenti sui social, ma poi, quando se ne ha voglia, si possano fare stati o post sul proprio profilo, con frecciatine e commenti astiosi verso gente interna al proprio partito. NO! ENNE O!
Nemmeno se sono scritti ambigui o l'indirizzato o gli indirizzati non siano espressamente specificati e possano capire di che-chi si parla in pochi.

NO, NON INTENDEVO PROPRIO QUESTO! Intendo invece proprio super pacifici, sempre.

Ok, penso di essere stato chiaro.

TWITTER @GioviRavetta

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook