Carmine Zaccaro
IoVoglioTornare
29 Maggio Mag 2014 0809 29 maggio 2014

Una casa intera in uno spazio di 18 metri quadrati

Se l’idea del giovanotto di New York, che era riuscito a ricavare otto stanze da un appartamento di 39 mq, aveva sbalordito un gran numero di persone, lo stesso sarà in grado di fare il brillante progetto di Kent Larson, che guida il gruppo Changin Places del Mit Media Lab. Il team ha ricavato una casa con oltre tre stanze in 18 metri quadrati di spazio. Il progetto si chiama CityHome e non è solo un concept ma presto diventerà una start-up da lanciare sul mercato.

Gli spazi sono limitati, le soluzioni infinite. RoboWall è la soluzione a cui hanno pensato i cervelli del Mit per ricavare svariate soluzioni di arredo, in uno spazio ristretto.
RoboWall è in fin dei conti un grande mobile capace di trasformare e rimodulare lo spazio, così da poter ottimizzare pochi metri quadrati. 

All’interno del box, componibile e scomponibile, si possono estrarre il letto per dormire, un tavolo per una cena tra amici o semplicemente delle sedie per accomodarsi, ecco come si sono già ricavate tre stanze con un solo mobile d’arredo. Nascosto all’interno di un intercapedine l’altra stanza, un bagno, che all’occorrenza è di nuovo celato sfilando il mobile.

Una trovata di certo intuitiva è la gestione del controllo degli spazi. Tutto gestibile con comandi vocali e con i gesti del corpo, rilevati da sensori che traducono le azioni.

Di sicuro una bella trovata, un giusto compromesso per chi ha poco spazio e pochi soldi, ma anche una maniera per ottimizzare gli sprechi e i confort eccessivi.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook