Stefano Grazioli
Gorky Park
20 Giugno Giu 2014 0654 20 giugno 2014

Cosa fumano alla Nato?

Questa la notizia (AGI):

Come durante la Guerra Fredda molti pacifisti erano sostenuti, piu' o meno a loro insaputa, dall'allora Unione Sovietica, ora la Russia sta aiutando in segreto gli ambientalisti impegnati in Europa contro la ricerca dello shale oil e gas (il gas ed il greggio di scisto) con la tecnica della fratturazione idraulica (fracking). L'obiettivo e' impedire che il Vecchio Continente possa rendersi indipendente dal gas russo come e' successo negli agli Stati Uniti che da importatori netti stanno diventando esportatori. A denunciare il progetto russo il segretario generale della Nato, Anders Fogh-Rasmussen in una riunione a porte chiuse al think-tank londinese di Chatam House. A darne notizia il Times di Londra.- Rasmussen, secondo il quotidiano di Rupert Murdoch, ha detto: "Ho incontrario alleati che mi hanno riferito che la Russia, come parte delle loro sofisticate operazioni di disinformazione, sia impegnati attivamente con le cosiddette Ong ambientaliste schierate contro lo shale gas per mantenere l'Europa dipendente dalle importazioni russe". Una denuncia che assume grandissimo rilievo in piena crisi ucraina, dopo che da lunedi' Mosca ha interrotto le forniture a Kiev per il mancato pagamento del debito pregresso dell'Ucraina. Una decisione che, nonostante le rassicurazioni formali di Mosca (pronta a dare la colpa ad eventuali prelievi non autorizzati di Kiev, come gia' avvenuto nel 2006 e nel 2009 nelle precedenti crisi) all'Ue, potrebbe avere di fatto ripercussioni sull'approvigionamento dell'Europa: dall'Ucraina passa il 15% del gas russo per il Vecchio Continente. - Rasmussen, secondo il quotidiano di Rupert Murdoch, ha detto: "Ho incontrario alleati che mi hanno riferito che la Russia, come parte delle loro sofisticate operazioni di disinformazione, sia impegnati attivamente con le cosiddette Ong ambientaliste schierate contro lo shale gas per mantenere l'Europa dipendente dalle importazioni russe". Una denuncia che assume grandissimo rilievo in piena crisi ucraina, dopo che da lunedi' Mosca ha interrotto le forniture a Kiev per il mancato pagamento del debito pregresso dell'Ucraina. Una decisione che, nonostante le rassicurazioni formali di Mosca (pronta a dare la colpa ad eventuali prelievi non autorizzati di Kiev, come gia' avvenuto nel 2006 e nel 2009 nelle precedenti crisi) all'Ue, potrebbe avere di fatto ripercussioni sull'approvigionamento dell'Europa: dall'Ucraina passa il 15% del gas russo per il Vecchio Continente.

Il commento più sensato alla sparata di Rasmussen l'hanno fatto quelli di Greenpeace, che si sono chiesti cosa fumano alla Nato.

Al di là delle battute (i pusher all'Headquarter di Bruxelles han roba ottima), un paio di considerazioni:

1) La guerra di propaganda non la fa solo la Russia: chi non lo vede o è cieco o ingenuo o semplicemente pirla. O tutte e tre.

2) Nello specifico: che c'entra un'alleanza militare con la questione del fracking? (vedere al punto 1)

3) E' disarmante osservare come parte dell'Europa politica (Ue, e la nuova Europa postsovietica) e dei media mainstream siano giunti a un livello di assoggettamento cronico nemmeno tanto difficile da spiegare (punto 1, la terza che ho detto). Si salva parzialmente chi ha un ancora un sistema politico-mediatico realtivamente autonomo e indipendente, come ad esempio la Germania.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook