Riforme che non costano
22 Giugno Giu 2014 2038 22 giugno 2014

L'Inps non ce la fa, se vuoi pagare non ti risponde

Fra le campagne informative dell'INPS c'è quella del riscatto degli anni di laurea. 

Probabilmente pochi lo chiederanno, dopo lo scellerato tentativo di annullarne gli effetti, ai tempi del ministro Fornero. Eppure qualcuno lo chiede. FV, studentessa del Politecnico di Milano,oggi con laurea magistrale che le ha fornito finalmente il diritto alla disoccupazione e al precariato, decide di chiedere il riscatto degli anni di laurea. Domanda online. Certo, l'INPS è una delle poche organizzazioni pubbliche decentemente informatizzate, meglio dei fondi pensione privati, alcuni dei quali vivono in una preistoria amministrativa degna degli anni '50. Modulo con istruzioni carenti, c'era da aspettarselo. Consulto con amico commercialista. Modulo inviato nel gennaio 2013. Passano i mesi. Silenzio. Luglio 2013: silenzio. Telefonata al call center. Attesa, costi etc. Quando l'INPS risponde, si scopre la causa dell'impasse. Domanda effettuata con PIN "non dispositivo". E chi se ne doveva accorgere se non l'INPS? Forse manca qualche procedura di gestione delle liste anomalie? O è una romantica nostalgia per i bei tempi delle domande cartacee dopo ore di fila allo sportello? Richiesta di PIN dispositivo. Procedura farraginosissima, fatta di telefonate, lettere etc. Arriva il PIN dispositivo. Nuovo invio. Passano i mesi, come nei romanzi dell'800 romantico, quando si aspettavano le lettere dell'amato partito per la guerra o l'America. Giugno 2014. La precaria disoccupata ha trovato lavoro all'estero. Tremilacinquecento euro al mese, in una multinazionale in un paese anglosassone. Torna in Italia per breve vacanza. Call center INPS: che fine ha fatto la mia domanda, per caso mi avete inviato i bollettini e si è persa la lettera? Magari. Nulla, domanda non ancora processata. Possiamo solo sollecitare, avrà una risposta entro dieci giorni. I dieci giorni sono passati. Silenzio. L'INPS poteva incassare diverse migliaia di euro sicuramente più di 10.000. No comment. Chissà se prima o poi anche a costoro si potrà far fare un bel tuffo nel mercato? Vi faremo sapere come va a finire.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook