Sergio Ragone
Pop corn
2 Luglio Lug 2014 0751 02 luglio 2014

La storia di Vittorio Camardese diventa un Film Project

Un genio silenzioso e riservato, un vero talento della chitarra che ne ha rivoluzionato l'uso inventandosi una tecnica per suonare, che oggi è tra le più diffuse al mondo: il tapping. In questa breve apparizione televisiva nel programma “Chitarra, amore mio”, mostra la sua tecnica chitarristica.

Vittorio Camardese, un medico radiologo potentino di origine ma trapiantato a Roma, ha vissuto sempre con molto distacco il mondo dello showbiz che ruota intorno alla musica ed alle sue star. Un musicista atipico, che rifiutava l'etichetta e si dilettava a mostrare la sua genialità ai pochi amici con i quali si ritovava a suonare in qualche appartamento romano, tra cui Chet Baker e Stephane Grappelli e tanti altri.

Ecco come lo racconta Roberto Angelini, che con Vittorio Camardese ha vissuto a lungo sotto lo stesso tetto.

Proprio da una condivisione sui socialnetwork di una performance di Camardese, fatta dallo stesso Angelini il 2 luglio di un anno fa, parte un lavoro di ricerca e di documentazione per la realizzazione di un film project dedicato al musicista radiologo. A curarne la realizzazione sono la regista Vania Cauzillo, insieme a Mimmo de Musso (co-autore del progetto) e Vittoria Smaldone (responsabile ricerca e documentazione), con la collaborazione della casa di produzione Oph!en.

Il progetto di film parte anche da un attività di crowdfunding: da oggi infatti sarà possibile sostenere la produzione con delle donazioni, sulla piattafoma Indiegogo. Il web, quindi, ancora una volta come strumento di sintesi tra memoria ed innovazione, con la magia della settima arte a darne poesia e bellezza. La speranza è che la memoria del genio di Vittorio Camardese possa vivere nel tempo con ancora più forza e che possa generare nuova musica e nuove storie.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook