I gessetti di Sylos
19 Luglio Lug 2014 2216 19 luglio 2014

Sorpresa: Berlusconi è ancora Cavaliere del Lavoro

Fino all’ultimo Berlusconi vuol dimostrare che è un buon giocoliere “delle tre carte”, e con lui chi “sa e potrebbe fare” e non fa niente.

Vi ricordate? Dopo la condanna definitiva per frode fiscale i giornali scrissero che B. si era autosospeso dai Cavalieri del Lavoro. Era una balla, ma confezionata molto bene. In realtà B. si era autosospeso dalla Federazione dei Cavalieri del Lavoro, ma non dall’Ordine dei Cavalieri del Lavoro. La Federazione è una mera associazione privata tra i cav. che non ha alcuna valenza giuridica. E’ come una qualsiasi associazione di categoria.

Quando la Fiat uscì da Confindustria non è che per questo non era più impresa, o Spa, era solo uscita dall’associazione di categoria. B. ha fatto la stessa cosa. Se andate sul sito del Quirinale, alla voce “onorificenze”, e cercate per cognome e nome vedrete che vi daranno ancora Berlusconi Silvio. Se invece digitate Tanzi Calisto, non lo troverete.

Ecco il punto, chi deve provvedere, ministero dello sviluppo e presidenza della repubblica, ha finora usato due pesi e due misure.

A Calisto Tanzi è stata revocata l’onorificenza “per indegnità” il 17 settembre 2010 (con Napolitano al Quirinale), cioè prima ancora delle sentenze della Cassazione, che sono del 2011 (aggiotaggio) e del 2014 (bancarotta fraudolenta). A Berlusconi invece, anche dopo la sentenza definitiva della Suprema Corte, né il precedente ministro Zanonato, né l’attuale ministro Guidi, hanno ritenuto di proporre al Presidente della Repubblica la revoca, sempre “per indegnità”. Né il Presidente della Repubblica ha ritenuto di sollecitare tutta la pratica.

L’assolvimento della quale appare sempre più, a termini di legge, un “atto dovuto”, non c’è alcuna “interpretazione” da compiere.

L’art. 3 della legge istitutiva dell’ordine (n. 194 del 1986) stabilisce i requisiti per ottenere la decorazione, e tra questi:

c) aver adempiuto agli obblighi tributari …;

d) non aver svolto né in Italia, né all’estero attività economiche e commerciali lesive dell’economia nazionale.

Ora, risulta accertato che B.

-         Ha frodato il fisco (lettera c)

-         Ha costituito capitali illeciti all’estero (lettera d)

E quindi ha perso automaticamente i requisiti indispensabili per essere Cavaliere del Lavoro, si direbbe anche a prescindere dalla sentenza, cioè anche se fosse stato assolto per prescrizione per esempio.

E invece chi deve provvedere (il Presidente della Repubblica su proposta del Ministro dello Sviluppo Economico) finora ha fatto lo “gnorri”.

Tra l’altro finora quando si è parlato delle pene accessorie si è sempre fatto riferimento soltanto a quella dell’interdizione dai pubblici uffici. In realtà a Berlusconi sono state comminate altre pene accessorie, quali:

-         Interdizione dagli uffici direttivi di persone giuridiche e imprese per la durata di tre anni;

-         Incapacità di contrattare con la P.A. per la durata di tre anni;

-         Interdizione dalle funzioni di rappresentanza e assistenza in materia tributaria per quattro anni;

-         Interdizione perpetua dall’ufficio di componente di commissione tributaria.

Ora, è doveroso chiedersi, può una persona cui sono state interdette tutte queste cose fregiarsi ancora dell’onorificenza di Cavaliere del Lavoro? In pratica, nell’attuale situazione di inerzia, si deve concludere che il titolo di Cav. vale meno di un posto di consigliere di una Srl qualsiasi? Un Cavaliere in carica è da considerarsi meno di un dirigente di una ditta di supermercati? Come si sentono gli altri Cav. a essere considerati in questo modo?

Adesso si capisce l’esultanza di B. quando, con riferimento alla Guidi, disse: “abbiamo un ministro”. E l’Italia, ancora una volta, dimostra di essere un paese dove le regole e le leggi si applicano solo ai poveracci e a chi non ha alcuna protezione politica. La nostra classe politica e istituzionale non è in grado di togliere un’onorificenza, figuriamoci se poteva legiferare sul conflitto di interessi.

Chissà se anche per questa questione, come già per il conflitto di interessi (come attestato da Violante), non ci sia stato qualche accordo sottobanco, … per esempio nel famoso “patto del Nazareno”!?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook