Mirko Briganti
L’altro occidente
21 Luglio Lug 2014 0408 21 luglio 2014

L'Australia e il Modello Americano

L’Australia e il modello Americano

Hanno fatto discutere nelle ultime settimane le visite “downunder” in Australia di due protagonisti del dibattito politico-culturale americano e internazionale: Al Gore e Joseph Stiglitz.

Gore è intervenuto nel dibattito australiano sulla Carbon Tax durante il lancio della sua iniziativa per la sensibilizzazione al tema del cambiamento climatico a Melbourne.

La Carbon tax introdotta dal precedente governo laburista è un cavallo di battaglia dell’attuale Premier Abbott (Liberal-Conservatori), che è appena riuscito a cancellarla, nonostante abbia trovato l’opposizione del Senato. Un Senato che in Australia viene eletto con metodo proporzionale e rinnovato per metà una volta ogni tre anni, 12 senatori per ogni Stato della federazione. L’elezione non contestuale a quella della Camera e la legge elettorale proporzionale anziché maggioritaria favoriscono spesso coabitazioni scomode per i governanti. O estenuanti negoziazioni con partiti minori, come in questo caso con i Verdi (in forte ascesa) e il Palmer’s United Party, la formazione dell’eccentrico miliardario Clive Palmer.

Al Gore ha dato una conferenza stampa appunto con Clive Palmer, le cui principali attività sono miniere di carbone, e questo non può che stupire, ma non del tutto. Palmer e Gore hanno proposto misure alternative alla Carbon Tax, che innescheranno un dibattito su tema per i prossimi anni.

L’ex aspirante inquilino della Casa Bianca ha organizzato a Melbourne un seminario rivolto ad attivisti ambientalisti sui temi del cambiamento climatico. Nel frattempo autorevoli studi sull’impatto economico del cambiamento climatico, come quello appena sfornato dalla CEDA (Comitato per lo Sviluppo Economico dell’Australia) diretto dal Professor Stephen Martin mostrano un aumento chiaro e marcato sia degli eventi climatici estremi che dei costi associati. L’Agricoltura nell’ultimo decennio ha sofferto un netto calo di rendimenti, causato da piogge più scarse. I rischi associati agli eventi climatici avranno un impatto sicuramente anche sulla capacità di attrazione degli investimenti esteri.

Veniamo quindi al secondo ospite americano ricevuto nelle ultime settimane: Joseph Stiglitz. Il Nobel per l’Economia è stato invitato per un ciclo di conferenze dall’Australian Association of Economic Sciences. Le posizioni di Stiglitz sulla crisi economica del 2007-08 (definita nell’anglosfera GFC, Global Financial Crisis) è nota da tempo. Stiglitz ha attaccato il Governo Abbott senza mezzi termini per la sua politica fiscale (tagli al welfare e al deficit creato dai laburisti) e ha difeso la strategia usata a suo tempo da Kevin Rudd per rispondere alla GFC, definendola una “best practice” di livello mondiale. I risultati, che hanno evitato la recessione all’economia australiana, unica tra i paesi OCSE, parrebbero dargli ragione. Il Professore della Columbia University ha poi riassunto i temi toccati in un lungo articolo apparso sul Sydney Morning Herald e riportato a livello internazionale anche dal Guardian e da altre autorevoli testate. Un ulteriore attacco al Governo Abbott sulle riforme proposte al sistema sanitario e alle università. Il messaggio forte e chiaro è: cari amici australiani, il vostro sistema economico e il vostro welfare sono stati un modello negli ultimi 20 anni. Prima di inseguire il modello americano, che sia per la gestione delle diseguaglianze che per la mobilità sociale non possono più essere considerati un modello, pensateci bene.

La questione politica di fondo di entrambi gli interventi pare essere appunto questa: il Governo Abbott pare inseguire sempre più la Destra repubblicana degli USA. Negando il problema del cambiamento climatico, le crescenti diseguaglianze nella società, il rallentamento dell’economia e proponendo ricette dal sapore fortemente ideologico. I sondaggi lo vedono in forte calo rispetto ad un anno fa, ma le opposizioni (laburisti e Verdi) sono divise e rischiano di lasciargli campo libero.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook