Massimo Sorci
Attentialcane
1 Agosto Ago 2014 1328 01 agosto 2014

La grammatica (dei senatori e degli indignati della rete) è una cosa seria

Ora, si sa – ma quei senatori, evidentemente, no – che l’apostrofo in “qual è” non ci va. E’ un errore che in molti fanno e che fa un po’ specie vedere su un cartello brandito da un parlamentare che si vorrebbe preparato e attento almeno alla lingua italiana. Quello che però lascia perplessi è – oltre all’errore del senatore – è il pressappochismo degli indignati. Ok, manca l’apostrofo, ma se “qual” si deve intendere come pronome interrogativo (e infatti la frase è una domanda) allora non manca soltanto l’apostrofo ma anche un “la”: “Qual è merce la di scambio?”. Oppure si potrebbe anche omettere il verbo: “Quale merce di scambio?”.

Sono convinto che in giro – soprattutto sul web e nei social – questo distinguo sia stato omesso poiché evidente. O no?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook