Vito Kappa
Kahlunnia
18 Novembre Nov 2014 1855 18 novembre 2014

Il silenzio di Beppe Grillo e del M5S sull'attentato a Gerusalemme

C'è sangue e sangue. E forse, per i grillini, il sangue di un rabbino - in realtà i religiosi uccisi sono stati 4 - non vale poi così tanto. Niente. Su Gerusalemme, sulla violenza del fondamentalismo islamico di questa mattina, nemmeno una parola.

I vari Beppe Grillo, Alessandro Di Battista, Luigi Di Maio, Di Stefano, Sorial e compagnia brutta non hanno aperto bocca. Su Gerusalemme il silenzio. Chi di parole ne ha sempre usate tante, spesso troppe, non ha saputo trovarne una di condanna o solidarietà per quanto accaduto stamattina.

Pazienza. Se i libri non letti dicono molto su una persona, le parole non dette quando è d'obbligo alzare la voce la dicono lunga sull'ipocrisia di un politico o di una classe politica. In questo caso di Grillo e del Movimento Cinque Stelle.

Gli ebrei, gli israeliani, sono abituati a non essere compatiti. A dire il vero non gli interessa nemmeno. Ed è forse per questo che Israele sopravvive, perché parafrasando Golda Meir preferisce "le condanne alle condoglianze".

Ma oggi questo non conta. Contano i silenzi che rimangono. E a chi è rimasto zitto io voglio dire una sola cosa: vergogna! 

fb vitokappa | tw @vitokappa

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook