Paola Bisconti
Anam
2 Dicembre Dic 2014 1528 02 dicembre 2014

Una serata per ricordare Mauro Rostagno. Succede a Lecce il 7 dicembre

Il 7 dicembre, a Lecce, presso la Libreria Icaro, in via Cavallotti 7, alle ore 18:30 ricorderemo Mauro Rostagno, giornalista e sociologo, ex leader del '68 e tra i fondatori di Lotta Continua, ucciso la sera del 26 settembre del 1988 nelle campagne di Lenzi, a Trapani, mentre tornava alla comunità terapeutica da lui fondata.

Dopo anni di silenzio, tra richieste di archiviazione del caso e la superficialità di gran parte della città verso questa triste vicenda, nel 2007 l'associazione "Ciao Mauro" inizia una raccolta di firme per la riapertura del processo, riuscendo ad ottenere ciò che Mauro meritava.

Sono stati necessari ventisei anni per mettere la parola fine ad un’inchiesta giudiziaria caratterizzata da errori, omissioni e depistaggi disvelati poi nel corso del processo.

Una vicenda giudiziaria seguita costantemente e ammirevolmente da Rino Giacalone, ospite della serata, che ci illustrerà come l'omicidio di Rostagno sia stato il segno evidente della paura generata dai suoi interventi televisivi, articoli ed editoriali che svelavano la collusione tra i mafiosi, i politici e gli imprenditori dell'isola.

La biografia di Rostagno occorre conoscerla e offrirla come fonte d’ispirazione e d’impegno sociale e civile per comprendere come la nostra terra non sia un'isola felice e che molto probabilmente la libertà di stampa (anche e soprattutto quella locale) è ancora un diritto non riconosciuto.

Di questo aspetto ne parleremo anche con l'esperto Antonio Nicola Pezzuto, giornalista, collaboratore di Antimafia Duemila, che con le sue inchieste ha approfondito le dinamiche di un'organizzazione criminale che da anni ormai ha esteso i suoi tentacoli nel nostro territorio, dove c'è ancora chi si ostina a credere che qui la mafia non esiste. L’incontro sarà moderato dalla giornalista Paola Bisconti, organizzatrice dell’evento.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook