Alessandro Paris
Margini
10 Gennaio Gen 2015 2023 10 gennaio 2015

Je pense donc je suis Charlie

All'inizio, non si sa cosa dire, quasi il terrore paralizza le parole, tranne per partecipazioni emotive.E dopo potrebbero venire discorsi razionali, raziocinanti...Chi pretende che si abbia le risposte? E la ragione è davvero avulsa dalla passione? Lo spazio neutro é un'invenzione dei filosofi,  proiezione di un habitus accademico sulla realtà. Ma la realtà non si lascia raggiungere, sfugge all'idea come l'acqua da un colino.

In nome del Terzo, del debole, occorre fermare l'aggressore, impedire che nuoccia. La violenza è il secondo, l'aggressore ad averla scelta, a volerne perpetuare la dinamica. Dunque no, in nome del Terzo nessun buonismo. Ma questo non significa, minimamente concedere che la violenza oltrepassi lo spazio della difesa, e permei le nostre vite in modo da tradursi in una limitazione della libertà. Il terrore non deve continuare a paralizzare le parole, le matite, le menti,  tutte le pratiche della costruzione di sentieri di convivenza, nella critica a ogni tentativo di negare la libertá. 

No, bisogna resistere. Continuare a resistere contro tutti i domini di coercizione. 

"Meglio morire alzati che vivere in ginocchio" (Charb)
 Meglio vivere. E ridere.
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook