Carmine Zaccaro
IoVoglioTornare
24 Gennaio Gen 2015 1927 24 gennaio 2015

Nuovo Isee: per gli studenti possibili aumenti delle tasse

La stangata per gli studenti potrebbe fare un grosso rumore. Il Caf nazionale fa sapere tramite le organizzazioni studentesche che il rischio di un aumento delle tasse per gli universitari italiani incombe.

Il Caf su tutto il territorio nazionale ha sospeso il servizio che fornisce ai cittadini la DSU il documento necessario all’Inps per il calcolo dell’Isee. Questa vicenda potrebbe rivelarsi compromettente per una serie di ragioni, la più preoccupante è la mancata possibilità di richiesta dei servizi di agevolazioni economiche, borsa di studio e quant’altro.

Gli studenti universitari rischiano grosso. Entro pochi mesi è obbligatorio presentare il modulo Isee necessario a stabilire l’ammontare della seconda rata della retta universitaria. La mancata presentazione del documento significa il pagamento di una mora e l’assegnazione alla fascia maggiore di contribuzione, quindi il costo delle tasse maggiore.
Gli studenti non sono i responsabili dei ritardi causati dal Caf, il quale non è direttamente colpevole di questo problema in quanto, momentaneamente è l’Inps che non ha rinnovato una convenzione che annualmente sottoscrive con i centri su tutto il territorio nazionale, al fine di pagare i Caf per il servizio di assistenza offerto ai cittadini.

A monte dei ritardi burocratici c’è il cambiamento del decreto Isee, presentato dal governo questa estate, accanto alle innumerevoli riforme su scuola e università. La novità è ben articolata ed è stata pensata per migliorare il controllo da evasioni o false dichiarazioni. Per tutto quello che riguarda le agevolazioni fiscali o per la richiesta di borse di studio accanto alla solita dichiarazione dei redditi sarà necessario consegnare dei moduli specifici, che nel caso degli studenti è stato chiamato: ISEE UNIVERSITA’. Le associazioni studentesche hanno già acceso un campanello d’allarme, secondo questo nuovo modello potrebbe verificarsi un calcolo dell’Isee errato e maggiore, infatti dovrebbe essere obbligatorio dichiarare di aver percepito un beneficio economico che andrà a sommarsi al reddito famigliare.

Per ora non tutto è chiaro, per la serie: Si vedrà!

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook