Francesco Grillo
Il grillo parlante
30 Gennaio Gen 2015 1216 30 gennaio 2015

Il paradosso delle elezioni del Presidente della Repubblica e la soluzione Mattarella

Difficile immaginare un Presidente migliore di Sergio Mattarella.
Anche per una ragione che pochi ricordano, anche se di strettissima attualità.

Questo Presidente viene eletto da un Parlamento che, a sua volta, fu nominato sulla base di una legge elettorale ritenuta incostituzionale. Ed è un paradosso il fatto che ad essere eletto Presidente è uno dei giudici che rilevarono l'incostituzionalità della legge con la quale fu eletto quel Parlamento.

Certo gli stessi giudici si affannarono a spiegare che le Camere conservavano la propria operatività. E, però, quello che qualcuno chiama "vulnus", è una lacerazione assai grande. 

In Ucraina e Egitto, paesi con tradizioni assai meno democratiche del nostro, sentenze simili da parte della Corte Suprema hanno di recente innescato vere e proprie rivoluzioni che hanno portato allo scioglimento del Parlamento. 

Da noi il Parlamento - certamente assai indebolito nella propria legittimità - si è messo invece a fare grandi riforme costituzionali. Laddove, invece, non foss'altro che per "stile" istituzionale, Napolitano avrebbe dovuto imporre come condizione per la propria permanenza, una nuova legge elettorale da fare in un mese e di sicuro priva di difetti di costituzionalità. Per poi magari sciogliere le camere e sciogliere il paradosso.

La soluzione era, peraltro, a portata di mano ed era proprio la legge elettorale di cui fu primo firmatario Sergio Mattarella e che aveva regolato le elezioni in tutta la prima fase della "seconda repubblica", dal 1993 al 2005, con forti element maggioritari. Senza che nessuno ne mettesse mai in discussione la leggitimità.

Si doveva ripartire dal "mattarellum". Ed invece si è preferito convivere con un paradosso che ha solo reso più grave una crisi di democrazia che è grande quanto la crisi economica. Ed è, per un degli strani scherzi della storia, che a Mattarella si ritorna.

In questo senso, Mattarella può davvero essere un coniglio nel cilindro di un sistema abbastanza impazzito. Non solo per questo elemento simbolico. Ma per il suo essere, davvero, un garante della legalità. 

E', forse, da questo signore siciliano, fratello di Piersanti che fu uno dei martiri della Mafia, sopravvissuto di una generazione di politici ispirati da valori, che questo Paese deve ripartire per trovare una sua normalità.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook