State of Mind
State of Mind
3 Marzo Mar 2015 1307 03 marzo 2015

Il bambino autistico e i suoi giochi preferiti – Psicologia / Autismo

Il gioco è da sempre riconosciuto come lo strumento di libera espressione per eccellenza ed è per questo che il rispetto della diversità del bambino autistico deve partire proprio dall’abbandono di ogni pretesa di adeguamento al gioco tipico in favore di una valorizzazione degli interessi personali che non sono nemici della socializzazione ma indispensabili intermediari nella relazione con l’altro.

Come ho già avuto modo di sottolineare in altri post, è di fondamentale importanza che il bambino autistico venga riconosciuto e rispettato nella sua neurodiversità. Qualsiasi rapporto umano, a maggior ragione se mira ad essere terapeutico, che non tenga conto della specificità dell’individuo che ha davanti e pretenda da parte dell’interlocutore un adeguamento unilaterale ai propri canali espressivi, è per me gesto di violenza e, passatemi il termine, di razzismo.

Il gioco è da sempre riconosciuto come lo strumento di libera espressione per eccellenza ed è per questo che il rispetto della diversità del bambino autistico deve partire proprio dall’abbandono di ogni pretesa di adeguamento al gioco tipico in favore di una valorizzazione degli interessi personali che non sono nemici della socializzazione ma indispensabili intermediari nella relazione con l’altro.

Uno studio pubblicato di recente sul North American Journal Of Medicine And Science ha evidenziato che bambini con un disturbo dello spettro autistico (DSA) prediligono giochi che stimolano i sensi e generano movimento.

In occasione di un evento tenutosi all’interno del museo per bambini Explore and More nello stato di New York, si è potuto osservare come i bambini autistici, lasciati liberi di scegliere i giochi con cui intrattenersi, si sono indirizzati verso esperienze in grado di offrire un consistente feedback sensoriale, in cui fosse evidente un principio di causa-effetto e che presentassero movimenti ripetuti.

L’attività che ha riscosso più successo è stata la Climbing Stairs, una piccola scala su cui arrampicarsi per poi lanciare una palla e osservarla cadere. Molto apprezzati anche i mulini azionabili dai bambini e il tavolo colmo di riso in cui tuffare le mani.

Questi tre giochi hanno in comune la tipologia di gratificazione che deriva dal loro utilizzo: il piacere di muoversi, di osservare gli oggetti in movimento, di partecipare a eventi chiaramente connotati da un principio di causa-effetto, di verificare la ripetitività degli avvenimenti...

CONTINUA A LEGGERE SU STATE OF MIND

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook