Cristina Coglitore
La creatività in carcere
12 Aprile Apr 2015 0942 12 aprile 2015

Bollate si expone

In occasione di Expo che sorge proprio di fronte all’istituto  dall'altra parte della strada, Bollate apre le porte a chi vorrà visitarlo. Dalla vicinanza fisica è nata l'idea di "jail Expo". Come per esempio le mostre, organizzate con l'Accademia di Brera e con Fabbrica Borroni: hanno coinvolto i detenuti per realizzare pannelli che avvolgeranno fisicamente il carcere. Altre mostre saranno all'interno, compresa la magica installazione realizzata da Studio Azzurro tra i detenuti di Bollate per la Biennale di Venezia che ora torna a casa: figure interattive che dialogano con il pubblico, animandosi al contatto. La parte centrale del catalogo racconta ai visitatori, che in questi sei mesi potranno entrare in carcere tutti i venerdì, che cosa è questo penitenziario e in cosa si differenzia dalle altre carceri. Infine una terza sezione è dedicata a quelli che a Bollate fanno la differenza: cooperative e associazioni di volontariato che i visitatori potranno conoscere in occasione delle visite. In tutti i primi venerdì del mese si terranno dei mercatini nelle aree adibite ai passeggi per vedere e comprare ciò che in carcere si produce. Jail Expo inizia  venerdì 8 maggio con le prime visite guidate, mercatini e aperitivi.

Convinti quindi di poter essere un esempio positivo per la modalità di gestione della pena Bollate ha cercato di pensare come la prossimità fisica con il sito di Expo 2015 potesse rendere maggiormente visibili (anche in termini di trasparenza) i servizi e l’organizzazione dell’Istituto ai visitatori della manifestazione. La progettazione in tema di Expo è stata fatta su più livelli. La Cassa delle Ammende ha supportato il progetto Expo per inclusione socio-lavorativa promosso dal Provveditorato Regionale che prevede l’inserimento lavorativo per 100 detenuti/e da selezionare tra diversi Istituti (per questa CR sono previsti circa 40 posti). Si tratta di un’occupazione temporanea - per la durata di Expo 2015 - con delle azioni propedeutiche di formazione e con mansioni lavorative di accoglienza agli ingressi, supporto informativo nelle aree di spostamento, ausilio linguistico all’interno e nelle intersezioni tra i padiglioni e supporto facchinaggio.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook