Edoardo Beltrame
Guarda bene la bolletta
12 Maggio Mag 2015 0820 12 maggio 2015

Condannati ai monopoli

Nella primavera del 2000, all' indomani del varo del decreto Letta per la liberalizzazione del mercato del gas, Franco Tatò, allora amministratore delegato dell'Enel, se ne uscì con una battuta che è entrata nella storia: «Saremo sì liberi, ma di comprare il gas dall'Eni».

Sono passati quindici anni e il governo Renzi ha deciso di affidare la banda larga della telefonia a Enel.

Così, nel giro di pochi anni, "saremo sì liberi, ma di comprare l'energia elettrica dall'Enel".

Dopo quindici anni il piano sembra in effetti il completamento della felice intuizione di Tatò, come l'ha definita Starace, il nuovo AD di Enel. 

L'intuizione fu di piazzare nelle case di milioni di utenti contatori intelligenti dei quali nulla si sapeva perchè non erano omologati.

Siccome sono illegali e si stanno spegnendo, ora bisogna sostituirli ma chi paga?

In pratica Enel si farà pagare dallo Stato, e dalle nostre bollette, per rendere affidabile la connessione con i propri utenti, portare la banda larga fino all'edificio, magari fino in casa dell'utente, e fornire servizi a valore aggiunto a pagamento in regime di monopolio.

Il gruppo Enel, riferimento nella produzione di energia elettrica consoliderà così la posizione dominante nella distribuzione con decine di milioni di utenti e la misurerà con i suoi contatori, illegali o meno, entrandoci in casa, consigliandoci come consumare, come con i condizionatori ( recente pubblicità in televisione ) che pagheremo a rate con le bollette.

A meno di qualche leggera correzione dell'Antitrust e della Commssione Europea, la liberalizzazione verrà così finalmente completata.

www.edoardobeltrame.com

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook