I gessetti di Sylos
5 Giugno Giu 2015 1458 05 giugno 2015

La solfa di Renzi sulla corruzione (per il popolo bue)

Dopo l’ulteriore retata di arresti a Roma, Renzi se ne è uscito con la solita frase coniata per il popolo bue: “i ladri devono andare in galera e pagare fino all’ultimo centesimo” e poi ha aggiunto “ferma restando la presunzione di innocenza”.

Il dilagare della corruzione in Italia sta tutta in questa dichiarazione, la quale, a onor del vero, non è del solo Renzi. Il delegare tutto alla magistratura è tipico di chi la questione non la vuole affrontare, di chi vuole gestire, sul piano esclusivamente mediatico, solo i casi che emergono senza voler minimamente estirpare il cancro, perché comunque questo andazzo gli fa comodo dato che si è figli di quel sistema. Questi politici fanno finta di non capire che ogni volta che arriva la magistratura è una sconfitta per loro, perché avrebbero dovuto provvedere prima.

La stessa lista degli “impresentabili” redatta dalla Bindi, a mio avviso, è stato un favore fatto ai corrotti. Sul punto condivido l’analisi di Saviano: l’aver indicato gli impresentabili ha indirettamente dato la patente di “presentabili” chissà a quanti ladri, corrotti, camorristi e mafiosi, dei quali i leader nazionali e sedicenti “onesti” (solo perché non si mettono personalmente in tasca i soldi) sanno vita morte e miracoli e che un domani potranno dire, se i loro protetti verranno coinvolti in qualche scandalo, “io non sapevo nulla, d’altro canto non risultavano nella lista degli impresentabili”.

Come pure resto convinto che quello che emerge è solo la punta dell’iceberg e che il grosso della corruzione non viene fuori perché trova l’accordo di quasi tutti i partiti e dei massimi dirigenti, i quali fanno finta di non sapere, e quindi risulta più blindata e difficile da scoprire. Quello che emerge riguarda la corruzione di qualche cane sciolto che pensa di praticarla in proprio al di fuori dei canali “istituzionali” dei partiti e dei delegati “ufficiali” alla questione. E’ un po’ come quei due ragazzi del libro Gomorra, i quali pensavano di mettersi in proprio e la camorra per questo li ha ammazzati. Salvo casi rari, è questa la corruzione che viene scoperta, mentre l’altra, più corposa, quella che ha mandato all’aria la finanza pubblica in Italia, emerge solo raramente.

Per esempio, se ne è più parlato della stampa parallela dei biglietti dell’Atac romana? O di quell’esattore dell’Ici che ha incassato 100 milioni di euro senza versarli ai comuni? Dove sono finiti questi scandali? Ancora, perché nessuno dei politici sente il dovere di dirci il motivo per cui in Italia le grandi opere, come affermato dalla Commissione Europea, costano un multiplo di quanto costano altrove? Mi viene in mente quanto scritto da Transparency International in un report dedicato all’Italia, considerato il paese più corrotto dell’occidente, e non solo (69° posto nella classifica mondiale, voto 43/100), laddove tra i motivi indicati per spiegare questa situazione incomprensibile all’estero (siamo un paese del G7), viene indicata l’assenza di una denuncia costante, dato che “la stampa italiana è per lo più allineata”. D’altro canto appena qualche scandalo serio monta, subito parte la contraerea dei reggi bordone che additano di volta in volta come nemici dell’Italia, e dei giovani in particolare, i pensionati, la Germania, l'antipolitica, e altre cose di questo genere.

Quella poi della  minaccia di far versare tutto il maltolto fino all'ultimo centesimo, è roba da asilo, perché già alle elementari sanno che i soldi delle tangenti, come quelli di qualsiasi attività illecita, spariscono nel nulla, e al massimo si riesce a trovare qualche spicciolo.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook