Ernesto Gallo e Giovanni Biava
Giovine Europa now
16 Giugno Giu 2015 1247 16 giugno 2015

Anestesia UE. Personal Renzi non sa dare i numeri ma il PD è neoliberista (parte 1 di 2).

Grazie a Matteo Laurenti, che in questa prima parte inizia con Spinoza e piu' tardi (speriamo presto!) arrivera' a Renzi. Per ora, Spinoza.

E comincerò al contrario (…) a cominciare dal fatto che le Nazioni Unite hanno indicato i famosi Millennium Goals, hanno indicato gli obiettivi del millennio (...) Vedete, per un certo periodo di tempo, ha prevalso l'illusione che questo problema (la convivenza ndr.) sarebbe stato superato. Nel senso che, a partire dalla caduta del muro di Berlino, dalla fine del comunismo, si è pensato che il mondo tendesse ad omologarsi ad un modello non solo economico, ma innanzitutto culturale e antropologico. Che era quello, diciamo del, capitalismo consumistico occidentale. E che la civiltà del fast food per dirlo con uno slogan, sarebbe diventata la civiltà mondiale. E che quindi, non ci sarebbe stato bisogno di costruire le condizioni della convivenza. Perché in qualche modo avremmo tutti normalmente convissuto dentro la realtà del mercato e dentro l'universo dei consumi imposti dal modello del capitalismo occidentale. Questa previsione era sbagliata. Anzi, per molti aspetti, il timore dell'omologazione, ha risvegliato identità. Le ha armate. (“La sinistra, l'Europa e le sfide del mondo globale” M. D'Alema; Biella 02.02.2015 - https://youtu.be/t7iD48IO-SQ )

6. Colui che furiosamente percoteva i popoli di colpi senza tregua, colui che dominava irosamente sulle nazioni, è inseguito senza misericordia. (...) 9. Il soggiorno de’ morti, laggiù s’è commosso per te, per venire ad incontrarti alla tua venuta; esso sveglia per te le ombre, tutti i principi della terra; fa alzare dai loro troni tutti i re delle nazioni 10. Tutti prendon la parola e ti dicono: ‘Anche tu dunque sei diventato debole come noi? anche tu sei dunque divenuto simile a noi? 11. tuo fasto e il suon de’ tuoi saltèri sono stati fatti scendere nel soggiorno de’ morti; sotto di te sta un letto di vermi, e i vermi son la tua coperta’. 12. Come mai sei caduto dal cielo, o astro mattutino, figliuol dell’aurora?! Come mai sei atterrato, tu che calpestavi le nazioni?! 13. Tu dicevi in cuor tuo: ‘Io salirò in cielo, eleverò il mio trono al disopra delle stelle di Dio; io m’assiderò sul monte dell’Assemblea, nella parte estrema del settentrione; 14. sulle sommità delle nubi, sarò simile all’Altissimo’. 15. Invece t’han fatto discendere nel soggiorno de’ morti, nelle profondità della fossa! (…) 32. E che si risponderà ai messi di questa nazione? Che l’Eterno ha fondata Sion, e che in essa gli afflitti del suo popolo trovano rifugio. (Capitolo 14; Isaia, Sacra Bibbia, vv 6, 9-15, 32)

1. L'Europa non è l'Unione Europea.

1.1 L'Unione Europea non è un'entità unica come un continente, o che aspira all'unicità o confederazione. Non è un'entità condivisa come la Storia che appartiene all'Europa continentale. Neanche come discendenza o messaggio tra i suoi Sovrani, Stati, Nazioni e Popoli.

1.2 In Europa era presente la Storia. L'Europa era la Storia. La Storia può esistere senza L'Europa?

2. Un popolo può coincidere con una Nazione e uno Stato e un Sovrano, in un principio di Comunità fondata sull'appartenenza del popolo stesso con un regolamento di norme e codici legislativi che ne garantiscano la sopravvivenza e l'autonomia nella Storia.

2.1 Una Comunità nata da questo principio, non necessita di una patria coincidente con il Sovrano, lo Stato, la Nazione e il Popolo se anche solo uno di questi quattro fattori che la giustificano non viene a coincidere con tutti gli altri.

2.2 Come la patria, la Comunità può decidere di se stessa al suo interno, mediante un'Assemblea di rappresentanti eletti a cui tutti gli appartenenti alla stessa, possono a loro volta essere eletti nell'Assemblea, che a sua volta elegge un Sovrano che dovrà garantire per l'Assemblea e quindi per la Comunità che ha scelto di farsi rappresentare per giustificare la sua propria legittimità nella Storia.

 3. Il Sovrano eletto dall'Assemblea eletta dalla Comunità, può a sua volta eleggere un Garante che determini il suo operato come legittimo alla Comunità intera. Il Garante eletto può a sua volta eleggere il Sovrano, lo Stato, la Nazione, il Popolo e quindi la Comunità, mediante un patto di legittimazione reciproca.

3.1 Una volta che avviene il patto, la Comunità deve rispettare il Garante eletto dal Sovrano eletto, affinché anche la Comunità possa sentirsi eletta dal Garante e dal Sovrano.

3.2 La stessa intera Comunità a sua volta può essere eletta, a garanzia della sua permanenza nella Storia, di fronte ad altre Comunità che convivono con essa nella Storia.

3.3 Il Garante che elegge la Comunità può chiedere come garanzia della sua permanenza nella Storia un atto di fede nei confronti di un rappresentante della Comunità. Esso può coincidere con il Sovrano.

3.4 A patto avvenuto, mediante Atto di Fede, la Comunità non può sciogliere il patto con il Garante eletto e, a sua volta, Egli non potrà impugnare il patto con la Comunità che ha eletto come propria.

4. Il Garante e la Comunità possono designare un luogo o edificio come sede dell'Assemblea Garante che ha il compito di intermediare tra il Garante, il Sovrano e la Comunità stessa.

5. L'Assemblea, nel suo ruolo di rappresentanza, ha il compito di stipulare, promulgare e garantire la legge a cui tutti gli eletti devono aderire per garantire la loro sopravvivenza interna ed esterna alla Comunità.

6. Chi, tra tutti nella Comunità eletta, non onorerà il patto, violando la legge dell'Assemblea, dovrà essere espulso da Essa e quindi dalla Storia, per la sopravvivenza della stessa Comunità, nella legittima conformità dei diritti della maggioranza e nei confronti di tutte le componenti che hanno aderito al patto.

7. L'Unione Europea è un esempio di questa violazione.

7.1 I Sovietici liberarono Berlino. Roma fu liberata dagli Alleati. E' successo ad Amsterdam; Paesi Bassi, UE.

“Il figlio del mercante viene cacciato dal Tempio - Nazione e fa invadere i mercati europei inserendo gli Accordi di Schengen”

L'ebreo europeo sefardita e figlio di mercanti marrani Baruch Spinoza negava l'immortalità dell'anima perché si credeva più moderno (ed ebreo) facendo l'esattore per il padre meglio degl'altri; il suo rabbino si adirò, parecchio. E dopo averlo avvertito di smetterla con le cattive compagnie, rimasto inascoltato, lo cacciò, espellendolo, maledicendolo, esecrandolo, escludendolo, dal suo Tempio - Nazione senza patrii confini, Sion/Israele. Senza più un ghetto sopra la testa, ma con un Cartesio come affascinante cattiva compagnia adolescenziale sotto il braccio, prese la cosa molto sul personale (come ad un ebreo si confà) e, per sopravvivere iniziò a dar lezioni da privatista e a costruire lenti, conoscendo nel mestiere Leibniz (il quale si chiede se ci fa o ci è, anche se alla fine gli sta simpatico) e intanto dà dottrina e ripetizioni. Quindi, visto che per guadagnare doveva soddisfare i committenti che gli davano lavoro (molti dei quali calvinisti, che già i rabbini si tenevano buoni per le mutevoli vicende politiche e affinità messianiche), Dio incominciò a diventare per Baruch, ogni cosa tranne che...Dio, cioè non più un ebreo come lui, ma la natura, o meglio, anche “ogni cosa” che non fosse necessariamente ebrea. Cioè il visibile nella sua unica ed esclusiva riproduzione agl'occhi e alle orecchie di chi lo pagava. Intendiamoci, sembra una contraddizione, ma Baruch Spinoza è pur sempre rimasto uno del popolo eletto, off Talmud certo, anche se, alla fine, un ebreo è pur sempre un ebreo per discendenza del popolo eletto da Dio, e lui si dimenticò di questo dettaglio inconscio. La cosa comunque prese piede e il suo nome iniziò a girare con il passaparola. Quindi da privatista decise di passare a fare il mistico (anche un po' eretico che agli ebrei riesce particolarmente bene, e con le ragazze funziona sempre, vedi Chelsea Clinton). Misticismo, per gli ebrei, significa “dare i numeri”. Che spacciano per idee (o forme, se vogliamo sentirci tutti un po' greci o tutti europei), per poi trovarci delle conseguenze e, dei nei nessi logici. Il Razionalismo che un Cartesio qualunque non riuscì a delineare perché gli mancavano riga, squadra e compasso giusti (quelli che usava Baruch per le lenti), deludendolo molto. Affranto dalla delusione, Baruch si dà allo studio matto e disperato. E in questo status si ricorda di quel dettaglio inconscio che aveva rimosso. E' un ebreo, un eletto per nascita. Di solito gli ebrei bravi come lui, a forza di incrociare numeri e linee raggiungono uno stato di estasi e quindi vedono Dio ovunque, come se Dio fosse (in) ogni cosa. E qui si verifica l'ironia del caso che appartiene alla sorte dei precursori tanto amati poiché considerati profeti fuori dalla loro patria. Gli eretici che da rivoluzionari della legge (o Dogma) investono il manto della libertà di pensiero oppresso dalla legge costituita della società e delle sue gerarchie (confessionali in primis). La scoperta della propria natura umana che porta unicamente a ricreare, sostituendola, una verità identica come copia non originale, che si era confutata per eccesso di sguardo. Il suo nome come la beffa di un rabbino, verrà ricordato non come eretico ma bensì come profeta, “Colui che parla per conto di”. Di chi o di che cosa esattamente? Di altri come lui, ovvio. Di uomini che non hanno più necessità di dare una giustificazione delle loro idee a nessun altro, tanto meno a (un) Dio, che non siano loro stessi, se stessi e i loro omologhi, perché capaci di dimostrarne l'esistenza (di Dio) con la ragione del proprio sguardo. Un'esistenza tra tante altre però. Dall'illuminismo fino alla Rivoluzione Industriale, che tanto ha alienato chi non doveva più lavorare per guadagnarsi il meritato riposo (profeta Marx), la natura, da creazione divenne riproduzione (doppiamente per gli uomini eletti e non), quindi interpretabile come copia eticamente incontrollabile (profeta Benjamin). E poi scienza con un altro ebreo che (parole sue...vere), andava a spesso a trovarlo (profeta Einstein). Se ci aggiungi un altro asburgico eletto (profeta Freud) abbiamo la traslazione della natura e dell'anima da un'idea creatrice dell'uomo/ebreo a interpretazione relativa a opinione “soggettiva libera e personale”, tra tante altre. Personal. Il verbo di Baruch non si fa uomo ma scienzato che ricrea ad ospitarlo non un nuovo ghetto nella Gerusalemme del Nord o Tempio – Nazione, ma un'Internazionale di profeti in tutta Europa (o almeno all'inizio, nella parte tedesco-asburgica). Una prima tecnocrazia di stampo laicista razionale, o democratica (tra i puritani delle ex colonie inglesi nel Nord America come Thoureau, Chapman, Jefferson, Franklin...) off Dio in cui l'uomo si autoriduce di importanza livellandosi verso il basso a tutte le altre forme della natura. Come una scimmia, che imparando a usare una Lettera 22, si scoprirà poi essere molto simile all'uomo che scrive un' Enciclopedia...non a Dio (e comunque non in Turchia). Non ancora Sinistra Egualitarismo e Libertà perché Dio non è più umano ma comunque permane come Etica (la chiave di interpretazione verso cui Baruch aspira a ordinare tutti i suoi numeri), ma come ambientalismo agnostico spiritualista generalizzato dalla controcultura hippie della fine degli anni '60 del XX sec. ci siamo già (con tutti i culti esotici mischiati a New Age Nato compresi dal clintonomico ex Segretario di Stato USA, Strobe Talbot). Dal Dogma di fede a quello razionale della scienza. Cioè il Dogma che da sacro diventa profano rimanendo ovviamente Dogma. Una copia eternamente moltiplicata che sostituisce l'originale nel simulacro di un sepolcro in attesa dei creatori alieni. La scienza al posto di Dio. L'Unione Europea al posto dell'Europa.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook