Alessandra di Canossa
Doppio (s)malto
29 Luglio Lug 2015 1545 29 luglio 2015

Gli amici del grillino Vito Crimi: la tribù dei piedi neri

28 luglio 2015, ecco ciò che Vito Crimi pubblica sulla sua pagina di Facebook:

Avvisando di “leggere prima di ridere”, la cosa incuriosisce e non poco. Cosa avrà da raccontarci il mirabile senatore Crimi? Qualche spreco a livello nazionale? Sarà andato a spazzare per le vie di Roma con la ramazza e ce lo vuole comunicare? Avrà trovato la soluzione per far finalmente vincere i 5 Stelle? No, no e ancora no.

Il suddetto Senatore pubblica una lettera a dir poco sconcertante di un suo amico, con relativa foto esplicative: praticamente l’amico è tornato a Ghedi dopo 2 settimane di vacanza lasciando la casa in ordine e chiudendo tutte le finestre come qualsiasi assennato buon padre di famiglia. Tornando, mette il figlioletto a camminare per terra e … ohibò, il figlioletto si sporca i piedi. Ma non di una normale polvere, ma di una polvere nera e sottile, quasi come la fuliggine.

L’amico dell’Amico di Grillo dice anche che non abita vicino ad una fabbrica , quindi crede effettivamente che quella fuliggine sia quello che circola nell’aria. E questo fa PAURA!

E poi ci confida il suo sogno nel cassetto: avere un’app consultabile online 24/7 per controllare l’aria che respiriamo.

Inutile dire che la rete tanto amata dai pentastellati si è scatenata, probabilmente dopo essersi sganasciata dalle risate.

Caro amico di Crimi, forse saranno stati i rettiliani, che dopo aver buttato giù le torri e fatto una puntatina sulla Luna, hanno creato una scia chimica che è passata proprio sopra Ghedi e ha sporcato i fettoni del suo bambino! Controlli che suo figlio non abbia un microchip sotto la pelle ora!

Caro Crimi, invece a lei consiglio di cambiare giro di amicizie; prima di riferire al Copasir, dica comunque al suo amico paranoico di Ghedi che ogni tanto basta un semplice Mocio Vileda!


Vito Crimi, amico
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook