Antonio Fiore
Bar Lezzi – dal 1924
3 Settembre Set 2015 1423 03 settembre 2015

La ninna nanna del mare salato

" Il mare è inesorabile ". La traduzione letterale, nata in seno alle espressioni dialettali della costa Ionica, non rende appieno quel che il mare può, potenzialmente, essere. Si offre al bagnasciuga con l'affetto che è proprio degli amanti e può, altresì, abbattersi con la furia dell'aguzzino sull'innocente. Teneramente spietato è il mare, preciso ragioniere che quel che prende con la risacca, restituisce con la corrente di ritorno. Non è mare se prende più di quel che riceve, un fiume in piena è altra storia. Benché alcuni potrebbero sostenere che questa illogicità abbia una risposta nell'avventura di chi si offre spontaneamente al pericolo, il riposo dell'approdo cambia sempre e con esso le storie che ne seguiranno. 
Il piccolo Aylan riceve, tardivamente, la volontà e la promessa di un mondo migliore. Il suo profilo insabbiato rimbalza sui social come atti d'accusa e benché ritenga opportuno la pietà che si deve ai defunti, non capisco perché altrettanta pietà non si voglia offrire a chi, come lui, si improvviserà marinaio di fortuna nelle innumerevoli correnti di un mare che forse non hanno mai visto prima. 
Ricordo una frase di un tale che una volta mi disse "per fare un uomo di mare ce ne vogliono almeno dieci di montagna". Il rapporto del 1/10, uomini presi in considerazione, non sono ancora oggi rapporti omogenei neppure nello spazio e tempo. Penso che per provare reale empatia per dieci uomini di mare, oggi, non basta un sol cuore. Benché lo pensiate, non vi è coscienza umana che potete ripulire come una lavagna. Non vi è fanciullo navigante che vi permetta di rifarvi una morale. Soprattutto se la morale è il frutto di una condivisione. La foto vi avvilisce? Deve farlo!
La verità? Molti di noi, forse anche io, abbiamo provato odio per ogni straniero salvo sul nostro mare. Se ci pensate, onestamente, come possiamo definire nostro un mare che neppure abbiamo affrontato e cosa un marinaio può togliere a voi che mai l'avete incontrato?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook