Andrea Coccia
#jusquicitoutvabien
3 Settembre Set 2015 0730 03 settembre 2015

La nostra placida mostrificazione

La foto del bambino curdo morto sulla spiaggia non è terribile, è una foto. Ce ne sono state tante come quella, purtroppo, e ce ne sono tutt'ora, a centinaia, online, e ce ne saranno, probabilmente sempre di più.

Non è quella foto ad essere terrificante, è tutto quello che sta intorno che lo è. Noi per primi, sempre di più, notevolmente di più, perché ogni giorno che passa proseguiamo la nostra placida mostrificazione. 

Si dice che dal parlamento inglese sia arrivato questo commento: «quando sulle spiagge giacciono corpi di bambini, è il momento di agire». Non ho controllato, ma se è vera presupporrebbe che prima no, che prima potevano morire, naufragare, affogare e soffrire come bestie. Ed è quello che abbiamo lasciato succedere negli ultimi anni.

Non giorni, non mesi. Anni.

Questa è la cosa terrificante. Quell'altra è semplicemente una foto.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook