Alfredo Ferrante
Tantopremesso
17 Settembre Set 2015 1536 17 settembre 2015

Quel Senato di battutari

Ricordate il fattaccio avvenuto nel corso di un comizio a Treviglio nel luglio del 2013? In quella occasione il senatore della Lega Nord Roberto Calderoli, attuale Vice-Presidente del Senato della Repubblica, aveva dato senza troppi problemi dell’orango alla allora Ministra per l’integrazione Cécile Kyenge, di origine congolese. Dopo una incredibile pronuncia della Commissione Affari Costituzionali del Senato, che a maggioranza aveva ritenuto lo scorso febbraio le parole di Calderoli protette dalla insindacabilità parlamentare in quanto opinioni di natura politica rese nell’esercizio delle proprie funzioni (qui il sunto della vicenda con le opinioni dei Commissari), si scatenava un terremoto nel PD, che si affrettava a precisare che l’Aula del Senato si sarebbe poi certamente espressa contro Calderoli. Passiamo alla seduta n. 505 (antimeridiana) del 16 settembre 2015, soli sette mesi dopo: la maggioranza dell’aula del Senato vota con 196 voti a favore e 45 contrari (ecco l’elenco dei nomi e cognomi per la votazione n. 2)e respinge l'autorizzazione per il reato di istigazione all'odio razziale, pur dando il via libera a procedere nei confronti del senatore della Lega per diffamazione. Secondo la legge, peraltro, non essendoci stata una querela diretta da parte della Kyenge, ma da una parte terza, il procedimento penale in corso a Bergamo si reggeva grazie all'aggravante dell'istigazione all'odio razziale: venuta meno questa, l'intero processo, che si baserebbe solo sul reato di diffamazione senza dunque l'aggravante, non reggerebbe più.

È interessante scorrere il resoconto stenografico della seduta per farsi un’idea del dibattito, ma sono significative le dichiarazioni di Calderoli, che in aula dice: “sbagliando ho proferito una battutaccia estremamente infelice, che solo dopo ho compreso poter essere offensiva, ma vi giuro sul mio onore che in quel momento la mia volontà era solo quella di fare una battuta”. E continua: “il Ministro ha dimostrato con i fatti di aver accettato veramente le mie scuse visto che, diversamente da eventi analoghi, non ha presentato querela contro di me, né si è costituita come parte civile nel procedimento”. “La mia battuta era ed è sicuramente censurabile – prosegue - e sono il primo a riconoscerlo ma tirare in ballo l'istigazione all'odio razziale della legge Mancino mi sembra francamente eccessivo. Ho detto una sciocchezza di cui mi sono pentito, scusato, strascusato e per qualche mese sono stato tenuto in panchina come Presidente”. Insomma per Calderoli, ed evidentemente per la maggioranza dei senatori della Repubblica, paragonare ad un orango una donna nera è una battuta di spirito. E sapete una cosa? Io sono pronto a credere che egli ne sia davvero convinto, come probabilmente molti di coloro che hanno votato a suo favore. Ed è questa la vera tragedia culturale che emerge dalla vicenda: una classe politica si qualifica come totalmente analfabeta rispetto alle più elementari norme di civiltà che abbiamo faticosamente conquistate, incapace di comprendere come quell’insulto portasse con sé una infame eredità di disprezzo per l’altro, considerato subumano, di rango inferiore, sullo stesso piano di un animale. Costoro, pur sedendo in uno dei luoghi più alti in cui si fa la democrazia, ne ignorano – volutamente o per crassa ignoranza - le fondamenta, come l’articolo 3 della nostra Costituzione, secondo cui “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

È stata una ben triste mattinata quella in Senato, conferma del fatto che in questo Paese, al centro di una crisi migratoria che ha tratti geopolitici e umanitari di respiro mondiale, si sia sfacciatamente convinti che la libertà di opinione, garantita dalla Costituzione, sia svincolata da ogni limite di rispetto della persona e dei suoi diritti. È stato dato un colpo micidiale alla cultura antirazzista che pure fatica ad affermarsi, sancendo incredibilmente che d’ora in poi un nero possa essere chiamato scimmia senza conseguenza alcuna. E magari un ebreo caratterizzato col naso adunco, un gay apostrofato come frocio, una donna additata come puttana. Sono battute, si sa: non fanno ridere?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook