MY PR
Behind reputation
12 Ottobre Ott 2015 1237 12 ottobre 2015

Se Marissa Mayer lavorasse in Netflix?

Behind Reputation Foto Post

Due scuole di pensiero, due modi di intendere il congedo parentale come benefit motivazionale sul fronte delle best practice HR aziendali. All’angolo destro Netflix, pioniere per quanto riguarda questo aspetto di gestione delle risorse umane e delle sue conseguenze in termini di adesione ai valori aziendali. All’angolo sinistro Marissa Mayer, Amministratrice Delegata di Yahoo! altra azienda da sempre openmind dal punto di vista dei benefit a disposizione dei propri dipendenti. Tema della disputa quello del #congedoparentale. Infatti, se da un lato la nota società di streaming statunitense ha offerto un anno pagato ai suoi dipendenti, siano essi uomini o donne, per l’arrivo di ogni nuovo nato, dall’altro l’ex “prima ingegnere donna” assunta da Google ha dichiarato sul suo blog di volersi prendere solo quindici giorni di stop dal lavoro, nonostante sia previsto un piano aziendale da 16 settimane per le madri e 8 per i padri. La vicenda rischia di far parlare di sé per diverso tempo, se non altro a causa delle idee contrapposte sulle quali si fonda. Entrambe le posizioni esaltano in modo diverso il significato di engagement, inteso come coinvolgimento razionale ed emotivo dei dipendenti nei confronti della propria azienda, unito al desiderio di realizzare performance eccellenti. Eppure in casa Netflix non sono nuovi a iniziative del genere. Furono proprio loro infatti a concedere ai propri dipendenti la libertà di prendere ferie illimitate, in qualsiasi momento dell’anno, a condizione di non compromettere il raggiungimento degli obiettivi fissati. Branson, CEO della Virgin, aveva poi esteso l’iniziativa ai suoi collaboratori, prendendo in prestito l’idea, in quanto li avrebbe resi più creativi, più gratificati, più liberi e quindi più produttivi; salvo poi ritrattare ed estenderla solamente al top management. È indubbio che tali iniziative siano in grado di aumentare la risonanza positiva di una multinazionale agli occhi di chi osserva e opera nello stesso contesto; è altrettanto indubbio che il clima in tali ambienti derivi in gran parte dalla rappresentazione che i dipendenti hanno del contesto lavorativo in cui si trovano, che orienta le loro percezioni e i loro comportamenti…

Continua a leggere su behindreputation.com

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook