Silvia Parmeggiani
TrebarraA
22 Ottobre Ott 2015 1034 22 ottobre 2015

Da Torino a Roma, quattro mostre per il week end

3 ©Jérôme Sessini

TORINO. L'Ucraina sarà protagonista, fino al 10 gennaio nel nuovo store Leica di Torino, per la mostra “Ukraine: Inner Disorder by Jerome Sessini”. L’esposizione, curata da Alessia Glaviano, si propone di presentare i progressi del lavoro del fotografo Magnum sull’Ucraina, con un allestimento multimediale in cui le immagini fisse dialogano con contributi video, suoni, interviste e testi. Il primo contatto di Sessini con l’Ucraina avviene nel febbraio 2014 durante le proteste di piazza Maidan a Kiev. Da allora il fotografo è tornato nel paese diverse volte per lunghi periodo di tempo, documentando la vita nella regione del Donbass: un lavoro in profondità sulle conseguenze sociali della violenza, che apre una porta su un Paese piombato in un vero e proprio conflitto civile, in un clima da guerra fredda e tensioni tra Est e Ovest. La mostra è composta da 38 immagini di diverso formato, suddivise in 3 sezioni distinte: Mariupol, East Ukraine e Maidan. Ma la mostra non finisce qui: su 4 monitor gireranno i video di documentazione del progetto, oltre a interviste e slideshow delle fotografie, e in pannello touch si potrà avere accesso diretto al sito dedicato alla mostra.

© 2015 Jeff Bridges, All Rights Reserved

BOLOGNA. Fino al 15 novembre alla galleria Ono Arte Contemporanea sarà possibile vedere la prima mostra monografica in Europa dedicata alla carriera fotografica dell’attore premio Oscar Jeff Bridges. All’inizio degli anni Settanta Bridges comincia la sua lunga carriera sul grande schermo ma la fotografia – che pure aveva amato durante gli anni del liceo e del college – non viene ripresa fino al 1976 quando il personaggio che interpreta in un remake di King Kong lo costringe a girare con una macchina fotografica al collo e gli ricorda la sua passione. Da allora Bridges porta sempre con sé, sui set dei film a cui lavora, una Widelux, che gli permette di catturare il maggior numero di informazioni in un singolo scatto e di narrare contemporaneamente più storie. La mostra, “Jeff Bridges Photographs: Lebowski and Other Big Shot” raccoglie circa una sessantina di scatti, per lo più tratti dai backstage dei suoi film. Consigliata per chi ama il Grande Lebowski.

6th Continent © Mattia Insolera

ROMA. Il Mediterraneo sarà il protagonista, fino al 30 ottobre, della mostra alla scuola di fotografia contemporanea Isfci (via degli Ausoni, 1), grazie alle fotografie di “6th Continent” di Mattia Insolera. Il progetto ha origine nel 2007, quando Mattia parte in barca a vela dall’Italia ed insieme a un amico che vuole attraversare l’Oceano Atlantico. Dopo due settimane di navigazione, scende dalla barca nella zona dello Stretto di Gibilterra, dove ha il primo assaggio di un ambiente autenticamente mediterraneo, un mondo popolato da marinai e portuali, migranti e trafficanti. “6th Continent” diventerà un viaggio tra 13 Paesi del Mediterraneo che mostra un animo totalmente differente da quello che ci aspettiamo.

Eric Oberdorff, Corpus Fugit, 2014, Nizza,Francia

VENEZIA. Luoghi, sguardi, strumenti ma anche sensazioni emotive: le fotografie di “De l’ombre à la lumière”, in mostra fino al 15 novembre nella sede di Palazzetto Tito della Fondazione Bevilacqua La Masa, sono sguardi su una quotidianità in spazi altrimenti preclusi alla maggior parte di noi. La mostra infatti presenta una serie di lavori fotografici realizzati da sei diversi fotografi, in collaborazione con persone in stato di detenzione in diversi Paesi come Italia, Francia, Lettonia, Russia, Brasile. Il titolo, “De l’ombre à la lumiere”, fa riferimento non solo a quanto avviene con la fotografia, quando le immagini, nella camera oscura, vengono alla luce, ma anche alla condizione di chi opera nell’ombra e, attraverso il proprio lavoro, emerge all’attenzione dell’interesse collettivo.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook