Federico Iarlori
From Paris with blog
19 Novembre Nov 2015 1127 19 novembre 2015

Parigi: la festa (mobile) è finita?

Festa Mobile
Midnight in Paris

Ernest Hemingway è l'eroe del giorno dopo. Il simbolo di una città - e quindi di una nazione - che cerca di rialzarsi dopo i terribili attentati di venerdì scorso che l'hanno messa in ginocchio. Se dopo l'attacco a Charlie Hebdo era stato il turno del "Trattato sulla tolleranza" di Voltaire, negli ultimi giorni è "Festa mobile", opera incompiuta e pubblicata postuma nel 1964 - tre anni dopo il suicidio dello scrittore americano - a sbancare in libreria. Stando ai dati forniti dall'agenzia AFP, di questi tempi se ne vendono più di 500 copie al giorno e i librai non smettono di richiederne nuovi esemplari ai distributori; ieri, su Amazon, il libro era addirittura in rottura di stock.

Parigi ne valeva sempre la pena e qualsiasi dono tu le portassi ne ricevevi qualcosa in cambio.

Ernest Hemingway

Eh sì, Hemingway ne era convinto. Il suo libro autobiografico è un omaggio alla ville lumière, un affresco romantico e tormentato della Parigi degli anni '20, quando la capitale francese divenne la terra promessa degli artisti di tutto il mondo, anche e soprattutto statunitensi. "Così era la Parigi della nostra gioventù, quando eravamo molto poveri e molto felici", scriveva l'autore americano raccontando le strade e i locali - poi diventati mitici - della città, gli incontri con le personalità che frequentavano il quartiere di Montparnasse - da Francis Scott Fitzgerald alla collezionista Gertrude Stein, da Ezra Pound a James Joyce, - i suoi amori possibili e impossibili. E' più che lecito che la cosiddetta "génération Bataclan", così motivata a tornare nei bar e a divertirsi, a non darla vinta agli estremisti "castratori", adotti l'opera di Hemingway come un nuovo inno all'edonismo perduto.

Eppure, la notizia di una tale riscoperta è tanto curiosa quanto preoccupante. Da troppo tempo, infatti, la capitale francese sembra destinata a ripiegarsi sui fasti del passato per ricordare a tutti il suo valore simbolico. Ci è voluto Woody Allen, per esempio, a porre una tregua al cosiddetto "French bashing" della stampa anglosassone, impegnata con tutti i mezzi nella distruzione dei più celebri cliché d'Oltralpe - anche se adesso sono tutti lì a cantare la Marsigliese. Peccato che il film del regista americano non sia altro che un piccolo gioiello di nostalgia. Un omaggio a tutto ciò che non c'è più. Stiamo freschi a sederci sugli scalini della chiesa di Saint-Etienne-du-Mont - come fanno in effetti tanti turisti - in attesa che lo stesso Hemingway e Fitzgerald vengano a prenderci per farci riscoprire le follie notturne e tutti gli altri protagonisti della vita culturale e mondana parigina degli anni '20. E invece niente. A noi restano solo le cartoline, le boutique prese d'assalto dai turisti giapponesi, i palazzi svenduti agli sceicchi, i quartieri sventrati dalle tensioni comunitarie e le banlieue, fabbriche inesauribili di odio, di vendetta e di paura dell'avvenire.

Anche Danielle, una deliziosa signora di 77 anni, ha parlato di "Festa mobile" alla televisione. Le immagini del suo volto e il suo discorso pieno di dignità e di orgoglio hanno fatto il giro del web. E' un caso che sia proprio lei, un avvocato in pensione di 77 anni - lo ripeto - a spingerci a rialzarci e andare avanti? Ma soprattutto: che lo faccia consigliandoci di guardare indietro, agli anni che furono e che da tempo non sono più?

E' possibile che non abbiamo più nient'altro da dire? Niente di meglio in cui sperare?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook