Alessandro Paris
Margini
5 Dicembre Dic 2015 0702 05 dicembre 2015

Censis l'io e il cell

Dott Loiacono Emilio Alessio Medico Chirurgo Medicina Chirurgia Estetica Plastica Cavitazione Dieta Dietologo Nutrizionista Roma Cellulite Sessuologia Ecografie Dermatologiasmettere Fum
Censis, l'io e il cell

Io non sopporto vedere le persone che camminano per strada e per non incrociare lo sguardo fingono di vedere il cellulare.

Ma davvero fingono? O è una parte del loro sé, un oggetto transizionale, una protesi psichica?

Il Censis dice che i giovani (e non solo) italiani sono sempre più in preda al virus della disarticolazione dei pensieri.

Ma il senso di panico che prende al solo pensiero di uscire da casa senza il fido cellulare, come se qualcosa di essenziale mancasse, indica forse una mutazione psicologica del rapporto con il mezzo.

C'è una pluralità di studi sull'effetto della tecnica nella soggettivazione individuale e collettiva, bisognerà andarli a studiare.

Forse la nuova rivoluzione sarà l'invito a una deafferentizzazione informatica.

Potrebbe essere la nuova tendenza, lanciata con un hastag di twitter.

"Con i nuovi media del futuro, ognuno potrà dire quello che pensa senza pensare."
Carole Cooney Noon

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook