Paola Bisconti
Anam
23 Dicembre Dic 2015 1604 23 dicembre 2015

Il dono di Natale

Il Dono Di Natale

A Natale si avverte l’esigenza di leggere storie in grado di scaldarci il cuore come fa il calore che produce la fiamma di un caminetto acceso; si inseguono racconti capaci di regalarci un sorriso come quello che può suscitare l’abbraccio di un amico caro; si anelano trame che sappiano allietare il lettore come un fanciullo estasiato dinanzi a un nuovo balocco. Per questo ho scelto tra gli innumerevoli consigli editoriali, “Il dono di Natale” di Grazia Deledda, edito da Lindau.

Leggere il libricino è un’occasione per far conoscere alle nuove generazioni la scrittrice Grazia Deledda, premio Nobel 1926 per la letteratura, che ha vergato questo ed altri racconti nel lontano 1930 e che poco più di tre anni fa la casa editrice Lindau ha deciso di riproporre in una bellissima versione illustrata le cui immagini richiamano tessuti, foto e paesaggi tipici della Sardegna, terra natia dell’autrice, dove è ambientata la novella insieme al contributo di due piccoli disegnatori, Giovanni e Isacco, che hanno realizzato il volto dei personaggi principali della storia.

Siamo agli inizi del Novecento e i protagonisti della storia, Felle e Lia, si apprestano insieme alle loro famiglie che sono vicine di casa, a vivere la vigilia di Natale. Ciascuno sente a proprio modo le emozioni dell’attesa sperando in cuor loro che succeda qualcosa di memorabile e infatti accade, ma la novità viene svelata solo alla fine della storia nel frattempo le pagine scorrono tra dolcezza, stupore e incanto.

La famiglia di Felle, ultimo di cinque fratelli, attende di conoscere il fidanzato (benestante) della figlia maggiore che cenerà con il resto della famiglia per festeggiare la felice ricorrenza che diviene occasione per benedire anche il fidanzamento. Nella casa di Lia invece regna un’aria di mistero che Felle, curioso e trepidante, riuscirà a scoprire.

La novella con uno stile inconfondibile e sublime nella sua ilare eleganza, a tratti poetica, in altri più prosaica è permeata da valori che profumano di sapori genuini della vita, rievoca abitudini e tradizioni di un tempo ormai andato, rimanda alla bellezza dei piccoli gesti, di resistenze quotidiane, della fede più semplice e incondizionata, di altruismo e speranza. Non sono forse questi i doni più preziosi del Natale?

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook