Paola Bisconti
Anam
28 Gennaio Gen 2016 1450 28 gennaio 2016

Selvaggia e lo spirito ribelle che è dentro di noi

Selvaggia

A Selvaggia non piacciono le buone maniere, i fiocchi e i lustrini. Lei ama vivere come le hanno insegnato gli amici della foresta dove è nata e cresciuta. Dagli orsi, la bambina ha imparato a mangiare mentre dagli uccelli a parlare, le volpi invece tra capriole e rincorse le hanno illustrato come si gioca. Emily Hughes, talentuosa autrice delle Hawaii, in “Selvaggia” edito da Settenove ha raccontato una storia meravigliosa che afferma con un testo incisivo e straordinarie illustrazioni, l’importanza della libertà.

Un giorno la felicità di Selvaggia si interrompe perché nella foresta giungono due esseri umani che la scrutano e la osservano con estrema curiosità. Entrambi decidono di portare via con sé la bambina ritenendo quel mondo non fosse adatto per crescere civilmente.

I due signori sono convinti che Selvaggia sia un po’ strana, ma anche la bambina ha la stessa idea guardando loro e si chiede perché non mangiano con le mani, perché non sanno rotolarsi e non giocano come lei e ancora perché mai vivono in grandi cubi di cemento.

Di una cosa è certa, Selvaggia in questa casa non è felice. Sente di essere intrappolata e i signori che sono in realtà due scienziati tentano di correggere i suoi modi, di modificare gli atteggiamenti, perfezionare il suo modo di esprimersi e migliorarsi nel mangiare. L’uomo e la donna decidono anche di far indossare a Selvaggia un vestitino veramente scomodo per non parlare delle scarpe e dei ridicoli codini che tentano di contenere la sua vaporosa capigliatura.

Selvaggia non ne può più. È ora di porre fine a queste costrizioni. Ed è così che la bambina decide di ribellarsi abbandonando quella casa per ritornare nella foresta dalla sua famiglia. La coppia non la ferma e la lascia andare rendendosi conto di aver imposto a Selvaggia un modo di vivere che lei non sente proprio. A seguire la fanciulla ci sono il gatto e il cane che vivevano anche loro con i due scienziati e che decidono di seguire Selvaggia dove nella foresta riacquista la sua libertà.

La bellissima storia narrata nel testo evidenzia la necessità di lasciare che i bambini vivano la propria ribellione, di essere un po’ selvaggi e anticonvenzionali seguendo un istinto naturale senza vincolarsi in noiose restrizioni. Se imparassimo dal mondo infantile ad essere più spontanei vivremmo scevri da pregiudizi e stereotipi che ci ingabbiano in una società che a volte appare fin troppo triste e bigotta. “Selvaggia” è una lettura che celebra una sana ribellione e regala un’occasione per non assuefarsi dinanzi ad alcuni standard di vita già precostituiti. Il libro imperdibile infonde coraggio a chi vuole esprimere la propria diversità perché come leggiamo tra le pagine della storia “non si può domare una creatura così felicemente selvaggia”.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook