Giacomo Properzj
Largo ai vecchi
13 Febbraio Feb 2016 1259 13 febbraio 2016

Orrore! La Destra a Milano può ancora vincere

Fb 003 Home

Beppe Sala ha vinto con il 41% , come è noto, le primarie del Centrosinistra a Milano ma i suoi avversari, Balzani e Majorino assieme hanno totalizzato venti punti in più di lui. Inoltre la Destra candida un personaggio pericoloso per Sala cioè Stefano Parisi anche lui manager importante e già a capo della struttura amministrativa del Comune di Milano ai tempi del Sindaco Albertini. L'operazione Parisi, annunciata direttamente da Salvini ha dimostrato, tra l'altro, che il capo della Lega non è completamente privo di senso politico come poteva sembrare.

Sala avrà due difficoltà da superare: una nei confronti dell'avversario di Destra che si presenta pronto a intercettare il voto moderato e centrista, l'altro la sinistra radicale che ha combattuto nelle primarie con rabbia la candidatura dell'ex amministratore unico dell'Expo utilizzando ogni argomento e sperando sempre che la Procura intervenisse in qualche modo nelle elezioni. Per fronteggiare questo secondo pericolo si pensa di organizzare una lista in appoggio a Sala capeggiata dalla stessa Balzani: la cosa ha i suoi vantaggi ma anche i suoi svantaggi perchè gli eletti della lista Balzani non saranno in Consiglio i più devoti Consiglieri al Sindaco Sala e, d'altra parte, al ballottaggio, a questo punto quasi sicuro, sparite le liste di supporto, non saranno più in grado di “coprire a Sinistra” la candidatura di Sala lasciandola esposta alla vendetta della Sinistra Radicale che potrebbe persino non andare alle urne.

La Destra di Parisi invece risulterebbe unita e compatta nei confronti del suo candidato.

La stessa cosa non succederà a Roma dove la Destra scegliendo come candidato Bertolaso avrà sempre a che fare con Marchini che almeno il 10/12% glielo porterà via e, data la sprovvedutezza del candidato PD è possibile che vinca il candidato di Grillo. Naturalmente i Grillini devono trovare un nome abbastanza credibile viste le risse interne e la modestia della loro classe dirigente.

Abbiamo però ancora 3 mesi circa di tempo e con le terribili vicende internazionali e nazionali che si susseguono dalle pagine dei giornali ai listini di Borsa, tutto può cambiare in relazione alle misere nostre vicende comunali.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook