Edoardo Varini
Due o tre cose che so del mondo
29 Aprile Apr 2016 0758 29 aprile 2016

Delle baruffe capitoline, della cybersicurezza all''amico sturtupparo senza nemmeno il sito

Carrare

Anzitutto le mie scuse: perdonatemi se non scrivo delle elezioni per il Campidoglio ma è al di là del mio amor proprio. È vero che la politica è un continuo rimescolamento di carte ma in questo caso è troppo. E poi mi fa male vedere il centrodestra ridotto in questo stato. Come non deve essere. Se questa vicenda può avere una valenza esemplare, ce l'ha in negativo: rappresenta tutto quanto non si deve fare per battere la sinistra, che poi è l'obiettivo secondo, il primo è risollevare il Paese.

Resto dell'idea che la litigiosità nasca dalla mancanza di una piattaforma ideologica comune, anzi, per dirla meglio, da un'assoluta mancanza di ideologia. Il buon governo – ammesso che i clientelismi romani lo rendano una cosa possibile, ma certo non possiamo permetterci di pensare che non lo sia – dovrebbe essere prerogativa di qualunque amministrazione: ad indirizzare il voto dovrebbe essere una visione del futuro, anzitutto sociale, della città.

Scelgo di impegnarmi in una direzione perché quella è la mia idea del mondo, non perché in questo modo verranno riparate tutte le buche delle strade cittadine, perché la seconda dovrebbe essere una cosa scontata.

Campagne elettorali di così basso profilo screditano la politica. Generano la caciara e l'inqualificabile pollaio cui stiamo assistendo. Ma avevo promesso di non parlare di questo tema e chiudo qui.

Vogliamo invece parlare della nomina di Carrai a consulente diretto del premier sulla cybersecurity? La sua unica competenza in materia è aver fondato lo scorso anno una startup, Cys4, specializzata nella cura della sicurezza informatica delle aziende. Fine.

Sono andato a vedere il sito: «The company website will be available soon». Ma la smettiamo di prendere in giro il Paese. Matteo da Firenze: la vogliamo piantare?

A presto.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook