Luciana Grosso
Bodega Bay
24 Maggio Mag 2016 1354 24 maggio 2016

Che cavolo stai dicendo Shonda ???

Greys Anatomy Serie Tv

L’anno scorso, dopo la morte delle morti, avevo promesso a me stessa che basta Grey’s Anatomy.

Basta. Davvero. Basta. Dai.

Shonda Rhimes aveva ucciso Derek Shepherd, il protagonista, come fosse Ned Stark, ma senza Game of Thrones intorno e io no, non avevo voglia di ricominciare da capo. No. Mi spiace. Stavolta no.

Però poi, insomma l’arrabbiatura era scemata e insomma, ogni tanto, il lunedì un occhio a GA lo buttavo. Non sempre, eh. Ma ogni tanto sì.


Come quando litighi forte con un fidanzato che, per l’ennesima volta ti ha tradito e però poi lui ti manda le rose e ti dice, dai dai scusa non lo faccio più.

E vabbè.

Non ci credi nemmeno tu, ma insomma, più per inerzia che per altro te lo riprendi.

Ma fai male, dai, lo sai anche tu.

Così io, più o meno e senza crederci nemmeno un po’, mi sono ripresa Shonda.

Ovviamente non ha funzionato.

Esattamente come quando ti riprendi un ex fedifrago.

Esattamente come non ha funzionato tra Addison e Derek o tra Callie e Arizona.

Se una storia è finita, è finita. C’è poco da sfogliar verze.

Non ri- funziona mai.

Anzi: le cose peggiorano, in genere.

E così, oggi, guardare un episodio di Grey’s Anatomy è come guardare negli occhi qualcuno che abbiamo amato tanto e chiedersi: Ma come ho potuto? Ma a cosa stavo pensando? Ma esattamente che cosa mi piaceva tanto?

E poi, mentre guardi bene, capisci che quando passa la cotta, e capisci che una storia è finita, capisci anche che tutte le cose che ti sembravano carine prima, adesso non le sopporti più. E anzi, forse non le sopportavi nemmeno prima, a ben guardare.

E così non c’è altro da fare che fare le valigie e andare via.

Lo ha capito Izzie Stevens, lo ha capito Cristina Yang, e, di recente, lo ha capito anche un’altra tizia, ma non faccio spoiler.

E ora l’ho capito anche io.

Grazie di tutto Shonda, ti chiamo io eh.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook