Antonio Fiore
Bar Lezzi – dal 1924
24 Giugno Giu 2016 1626 24 giugno 2016

#Brexit: un commento a freddo. Il caldo è di stagione.

Brexit

C'è una mancanza, un'assenza profondissima, di reale coscienza su cosa voglia significare "democrazia" e "regime democratico". Le scelte di pancia, quelle avallate dalla boria nazionalista e dall'egotismo analfabeta, non possono sempre essere giustificate come "democratiche" in virtù di numeri e maggioranze.Non credo sia più accettabile, in nome di una democrazia che appaga i vostri risentimenti dietro i social, non utilizzare il raziocinio. Anche chi non è cattolico praticante - come me - ricorderà che la folla urlava il nome del prigioniero zelota benché il nazareno fosse innocente.

Parentesi religiosa a parte, me ne dispiace. Indipendentemente da tutto. Perché credo che sia necessario creare una forza politica esterna ai partiti e stati tradizionali, inevitabilmente legati alla lotta politica nazionale, e quindi incapaci di rispondere efficacemente alle sfide della crescente internazionalizzazione. Lo scrivo convintamente, con presuzione ed un pizzico di amore per il mondo che non sempre mi contraddistingue.

Vorrei poi, a conclusione di un pasto nervoso e soffocante, ricordare a molti - che tuonano dal basso del loro populismo ipertrofico - come l'Unione Europa abbia garantito ai popoli europei - tutti - pace e prosperità per più di sessant'anni, dalla fine di quell'intollerabile ed inumano conflitto mondiale. Economicamente parlando, poi, abbiamo permesso la circolazione di beni, servizi, capitali e persone creando un mercato unico; abbiamo liberalizzato settori di utilità pubblica ( basti pensare alle telecomunicazioni, energia, trasporti, poste); proposto ed ottenuto direttive in materia di protezione dei lavoratori, deboli, studenti; combattuto i cartelli e le posizioni dominanti in Monopolio; erogato fondi europei di sviluppo e coesione e quelli infrastrutturali ( per quanto spesso mal utilizzati dal nostro paese ) che hanno contribuito alla realizzazione di grandi opere di interesse collettivo; L’euro ha sconfitto l’inflazione, consentendo contrarre mutui (che un istituto nazionale non voglia erogare mutui è altra storia) a tassi di interesse favorevoli per comprare casa e allo Stato italiano – e quindi ai contribuenti- di finanziare il proprio debito pubblico risparmiando miliardi. Ogni sovrastruttura politica presenta delle grane e delle lacune. La politica serve ad appianare le divergenze. Insieme.

Guardate - badate bene, se potete - che pur anco con tutte le storture e i fallimenti, l'Unione Europea è stata la più grande conquista civile ed umana della storia dell'uomo. Mai, infatti, avevamo conosciuto l'unità internazionale politica pacificamente. Dall'antica Roma al regno Austro-Ungarico, la guerra definiva i confini e le sinergie.

Ad ogni modo, il dado è tratto. Ll nostro è un tempo di contrari, di profonde contraddizioni e nel contempo, di utopie verso un mondo diverso, più giusto. Non è così, però, che si cambiano le cose.

Ps. Offritemi il fianco per un po' di sano campanilismo. L'Italia, a differenza del becero qualunquismo web, è un grande paese che ha partorito un grande sogno. Siamo, a dirla tutta, non certo meno seri di altre nazioni. I vostri piagnistei vittimistici, andate a fargli in chiesa.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook