Claudio Scaccianoce
Ipse Dixit
31 Ottobre Ott 2016 2156 31 ottobre 2016

L’Egitto entra nel Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU. No, non è uno scherzo.

Organizzazione Nazioni Unite

Il 28 ottobre la Repubblica Araba d’Egitto è entrata a far parte del Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU.

No, non è una barzelletta, una di quelle che non fa ridere. E’ la verità.

Hanno detto NO all’Egitto 20 nazioni.

La votazione, eseguita con la procedura del voto segreto, ha visto partecipare 193 nazioni aventi diritto. 173 voti a favore della Repubblica Araba di Egitto.

Hanno detto NO all’Egitto 20 nazioni. Tra queste l’Italia. Come riportato dalle agenzie ANSA ed ADN KRONOS ieri, dopo avere raccolto informazioni presso la Farnesina, il nostro rappresentante Sebastiano Cardi non ha votato per l’Egitto, in linea con la posizione critica italiana sul caso Regeni.

Ecco quindi qualche numero elaborato da Amnesty International che ci tranquillizza sulla bontà della scelta appena fatta in sede ONU.

Fonte Amnesty International

Benvenuto Egitto, ben arrivato in un Consiglio che vede altri Stati brillare per le proprie attività in difesa dei diritti umani (13 seggi all'Africa, 13 seggi all'Asia, 6 all'Europa dell'Est, 8 seggi all'America Latina e Centrale, 7 tra Europa occidentale, America del Nord e Oceania).

Come non ricordare l’Arabia Saudita, paese leader nelle esecuzioni pubbliche. La Cina, dove è notoria la facoltà di potere esprimere liberamente le proprie opinioni… dietro le sbarre di una cella quando va bene!

Taci sciocco pennivendolo che non sei altro. Ma cosa stai scrivendo? Chiedi subito scusa, non ti rendi conto che stai parlando di paesi nostri stimatissimi partner commerciali? OK. Benvenuto Egitto all’interno di un organismo ridicolo ed inutile come il Consiglio ONU per i Diritti Umani.

E tu, Giulio Regeni, giovane italiano torturato, ucciso e gettato come uno straccio vecchio in mezzo ad una strada, vedi di farti dimenticare in fretta, che qui in Italia dobbiamo produrre, esportare, fatturare…

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook