Edoardo Varini
Due o tre cose che so del mondo
3 Novembre Nov 2016 1655 03 novembre 2016

Produttività italiana ultima in Europa, disoccupati in aumento: lo storytelling dell'Istat è a un bivio

Ercole Al Bivio

Una notizia secca, una notizia vera, una notizia scomoda, data come al solito in fondo alla pagina, in questo nostro mondus inversus in cui le lepri mettono nel sacco i cacciatori, le donne inseguono ad ogni età semisvestite gli uomini e l'attenzione che si tributa agli esseri umani è un sottomultiplo di quella riservata agli animali.

La notizia è questa: nel 2015 la produttività del lavoro italiana è calata dello 0,3%, a fronte di un incremento medio della UE dell'1,6%. L'incremento medio della produttività UE rimane sempre lo stesso 1,6% anche se consideri l'ultimo decennio, il nostro vira in positivo ma con simmetrica pena: +0,3%. Dati Istat.

Altri dati Istat: in Italia a settembre i disoccupati sono stati tre milioni, in un solo mese 60.000 disoccupati in più. Una cittadina italiana di provincia, come quella in cui vivo, Pavia, oppure Cremona, oppure Benevento, oppure Asti... decina di migliaia in più o in meno. È un aumento indiscriminato, che riguarda sia il genere sia l'età. È proprio una cittadina, qualcosa che andrebbe urbanizzato, occorrerebbero infrastrutture, trasporti, un sistema fognario, quattro o cinque chiese e almeno una moschea, per non essere tacciati di razzismo.

Ci si dovrebbe poi sbizzarrire nell'odonomastica, che è poi l'insieme dei nomi di tutte le strade e delle piazze. Potremmo iniziar con viale Disperazione, proseguire con Largo Sconforto, via dell'iniquità, piazza della Raccomandazione, e vicolo dei Suicidi, in fondo di là, dopo i gommisti, dove iniziano i campi.

Ma questo genere di cittadine le carte geografiche 2.0 non le rilevano. Un po' come le antiche non rilevavano l'inesplorata Africa, limitandosi all'accenno «Hinc sunt leones». Ora nemmeno questo. Anche perché i leones, cioè i poveri, sono ovunque. Ad iniziare dalle zone inesplorate della nostra cattiva coscienza.

L'Istat fino ad oggi pensava bastasse smettere di contare i suicidi per ragioni economici per non far uscire la polvere, pardon, le ossa dal tappeto.

D'ora in poi, per supportare il governo potrà fare solo due cose: inventarsi le cifre o smettere di contare.

 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook